rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

Sciopero mezzi pubblici, Usb: "Polemica su Green Pass è foglia di fico. Tante le cose che non vanno"

E nel giorno della mobilitazione del personale TPER i sindacati rilanciano la mobilitazione nazionale 'No Draghi Day'

Dall'individuazione delle responsabilità nella gestione del sistema della mobilità, a partire dal caso People Move, al potenziamento del servizio, fino all' aumento delle risorse, del personale e le corse negli orari di punta. Sono questi i punti sui cui lavorare secondo Usb Bologna, che fa sentire la sua voce in questa giornata di sciopero del personale TPER ( in vigore dalle 12.30 alle 16.30 di oggi ). 

I motivi della proclamazione sono nella "indisponibilità da parte dell’azienda a discutere sulle modalità di verifica e comunicazione da parte del personale del green pass; sulla richiesta di screening al personale; sulla mancanza di confronto tra azienda e USB sui diversi ordini di servizio che stanno generando confusione tra le lavoratrici e lavoratori e disservizi per la cittadinanza per la difficoltà di programmare agevolmente la presenza al lavoro", rivendica l'Unione Sindacale di Base.

"I mezzi in circolazione non sono sufficienti a garantire le misure di sicurezza anti covid per mancanza di investimenti per nuove corse e personale ...Molto più facile scaricare su meno di cinquanta dipendenti, su più di 1200 autisti, che si sono autosospesi per l’indisponibilità al green pass piuttosto che ammettere che manca una puntuale capacità di programmazione del fabbisogno del personale, ridotto per dimissioni, pensionamenti e normali assenze per malattia. A questo si aggiunge le conseguenze di quella che ormai è diventata ordinaria l’interruzione del People Mover con l’attivazione del servizio sostitutivo con autobus guidati dal personale TPER in straordinario". Così il duro affondo dell'Usb che con l'occasione della mobilitazione odierna lancia l sciopero nazionale che si terrà il prossimo 4 dicembre, su scala nazionale, il No Drgahi Day: "Quello che è in gioco - rimarca il sidnacato  -è la tenuta e la qualità del servizio che deve essere tutelato a partire dalle condizioni di lavoro di tutto il personale, che deve essere tutelato dalla nuova stagione di smantellamento e privatizzazioni dei servizi pubblici che il Governo Draghi ha messo in campo in occasione della legge di bilancio e che sarà al centro della giornata del “NO DRAGHI DAY"

Immagine di repertorio


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero mezzi pubblici, Usb: "Polemica su Green Pass è foglia di fico. Tante le cose che non vanno"

BolognaToday è in caricamento