Sciopero interrotto al magazzino Ducati: 'Stipendi pagati'

Una nota della società subappaltatrice specifica che il ritardo nell'accreditamento è dovuto anche alla concomitanza del fine settimana

Erano entrati in sciopero al magazzino logistico della Ducati, ma ieri l'altro gli stipendi sono stati pagati e la mobilitazione è rientrata. Lo precisa Alma Spa, società che ha in appalto il magazzino di Sala Bolognese che nei giorni scorsi era stata, assieme alla subappaltatrice Bcube, bersaglio delle proteste del sindacato Filt-Cgil, per un arrestrato di stipendi non pagato del giugno scorso.

"L'elargizione degli emolumenti -spiega una nota dell'azienda- usualmente accreditati al 20 di ogni mese, e pertanto con un ritardo di quattro giorni inficiato anche dal coincidente fine settimana, è stata una azione proattiva e prioritaria dell'azienda, che prescinde dalle criticità commerciali createsi con la Bcube, per la quali si attiveranno azioni legali nelle opportune sedi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

  • SPECIALE | Elezioni regionali Emilia Romagna 2020: dalle interviste ai candidati a tutte le info utili al voto

  • "Evasione fiscale da 140 milioni di euro": Maxi sequestro della Finanza, anche auto storiche di lusso

  • Avvelenato e lasciato nel parcheggio va in coma e muore dopo 2 giorni: fermati due coniugi

Torna su
BolognaToday è in caricamento