Venerdì, 12 Luglio 2024
Cronaca Centro Storico / Piazza Maggiore

Cgil, verso lo sciopero del 12 dicembre. Camusso: 'Il lavoro non è il problema, ma la soluzione'

Oggi Cgil in piazza Maggiore, appuntamento per quadri e delegati del Centro-nord in vista dello sciopero generale del 12 dicembre. Presente Camusso, che non cede sulle politiche del lavoro del Governo: 'Il sindacato non puo' rassegnarsi'

Piazza Maggiore alla Filctem-Cgil questa mattina, dove dalle ore 10 si sono dati appuntamento i quadri e delegati del Centro-nord in vista dello sciopero generale indetto per il prossimo 12 dicembre. All'incontro hanno partecipato i segretari regionali Giordano Giovannini (Filctem-Cgil) e Vinncenzo Colla (Cgil), Emilio Miceli segretario nazionale Filctem-Cgil; a seguire, conclusioni di Susanna Camusso segretario nazionale del sindacato.

Proprio ieri la leader di Cgil dal congresso della Uil aveva tuonato: "Il sindacato non puo' rassegnarsi, farlo significa diventare parte del problema e noi siamo parte della soluzione, non del problema che caratterizza questo Paese". Così, contro le politiche del lavoro di questo Governo, Cgil e Uil toneranno in piazza, il prossimo 12 dicembre, che vedrà uno stop di 8 ore a livello nazionale.

Il 12 dicembre, per la Cgil, sarà il giorno dello sciopero generale ma anche un'occasione per ricordare con forza il 45esimo anniversario della strage di piazza Fontana, che a Milano provoco'' 17 morti. Questo l'appello lanciato dalla segretaria generale Susanna Camusso, che ha aperto così  il proprio intervento al direttivo dei delegati Filctem del centro-nord, svoltosi stamattina. Una città, quella delle Due torri, "che tanto ha subito le stragi di Stato- sottolinea Camusso- e tanto ha subito quella faticosa rincorsa per conoscere la verità su chi le ha commesse e perche". Il 12 dicembre "ragioneremo, ricorderemo in tutte le piazze delle manifestazioni e dello sciopero quell'anniversario- dichiara la segretaria- perchè' tra le ragioni dello sciopero c'è anche quella che il normale confronto, la possibilità di discutere, il valore e il senso del lavoro fanno parte in questo Paese del grande patrimonio democratico. Abbiamo sempre visto il lavoro difendere le Istituzioni e la democrazia". Per questo, "vorrei che tutti insieme, a partire dai dirigenti della Cgil, prendessimo l'impegno che dopo le manifestazioni territoriali, quella sera, saremo tutti a Milano alla manifestazione unitaria che ricorda quella strage", è l'invito di Camusso. "Credo sia la piu' bella dimostrazione che noi possiamo dare per continuare a dire una cosa che in questi giorni pare adombrata, mentre invece è il sentire comune che troviamo nei luoghi di lavoro, parlando con le persone- conclude la segretaria- e cioè che il lavoro non è il problema, ma la soluzione del problema di questo Paese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cgil, verso lo sciopero del 12 dicembre. Camusso: 'Il lavoro non è il problema, ma la soluzione'
BolognaToday è in caricamento