Cronaca Viale Angelo Masini

In sciopero i dipendenti di Avanzi: "Tre licenziati a San Ruffillo"

Lo hanno scoperto attraverso una lettera arrivata per errore: "Quanti scatoloni volete per svuotare il magazzino prima della chiusura?". Chiuso il negozio alla Coop&Coop di San Ruffillo ora verranno licenziati

Si sono dati appuntamento sotto l'Ispettorato Territoriale del Lavoro questa mattina, proprio quando i tre lavoratori licenziati verranno ricevuti per discutere la conciliazione negli uffici di viale Masini. Sono i dipendenti della catena di ottica Avanzi (ora GrandVision) e protestano per il licenziamento dei colleghi che lavoravano al negozio all'interno della Coop&Coop di San Ruffillo. 

"Per voi siamo solo numeri": questo il cartello che tengono davanti al visi i primi arrivati, in attesa che il gruppo si rinfoltisca. 

"Il mese scorso - spiega uno dei dipendenti del territorio di Bologna - è arrivata una email per errore all'indirizzo del negozio collocato all'interno della Coop di San Ruffillo. Il messaggio chiedeva informazioni sul numero di scatoloni necessari per sgomberare i locali e la merce. Un fulmine a ciel sereno: è così che i tre dipendenti hanno scoperto l'imminente chiusura. Conclusasi poi due settimane fa". 

Dopo qualche giorno, come raccontano i lavoratori, che nel frattempo hanno raccolto 50 firme in solidarietà dei colleghi, una comunicazione dava formalmente la notizia dei licenziamenti: "Non si è parlato di ricollocazione nonostante poi ce ne sua anche bisogno (molta della forza lavoro sono gli stagisti), ma solo di licenziamento. C'è chi ha famiglia e ha reagito molto male, chi dopo anni di lavoro si è visto liquidato così su due piedi. Stamattina siamo qui per sostenere i colleghi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In sciopero i dipendenti di Avanzi: "Tre licenziati a San Ruffillo"

BolognaToday è in caricamento