Sciopero della sanità pubblica: i camici bianchi incrociano le braccia

Un primo fermo di 24 ore, che potrebbe ripetersi dopo due settimane

Il 9 novembre stop dei medici della sanità pubblica che lamentano l'insufficienza dei fondi per il rinnovo dei contratti. Uno sciopero che, fanno sapere, potrebbe ripetersi anche il 23 del mese entrante. 

Benchè siano in atto una serie di incontri al Ministero della salute, l'astensione dal servizio di 24 ore ma è stata confermata, sarà comunque garantita la continuità delle prestazioni indispensabili.

Si fermerà il personale medico e sanitario, veterinario, tecnico e amministrativo del Servizio Sanitario Nazionale.

Le organizzazioni sindacali, tra cui l'Anaao e la Fp Cgil, saranno anche in piazza il 17 ottobre davanti a Montecitorio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm: colori regioni e nuovi criteri, Emilia Romagna a rischio zona rossa?

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Bocciata alla maturità in Dad: Tar le dà ragione, esame da rifare

  • Schivata la zona rossa, l'Emilia Romagna resta arancione

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

Torna su
BolognaToday è in caricamento