Sciopero della sanità pubblica: i camici bianchi incrociano le braccia

Un primo fermo di 24 ore, che potrebbe ripetersi dopo due settimane

Il 9 novembre stop dei medici della sanità pubblica che lamentano l'insufficienza dei fondi per il rinnovo dei contratti. Uno sciopero che, fanno sapere, potrebbe ripetersi anche il 23 del mese entrante. 

Benchè siano in atto una serie di incontri al Ministero della salute, l'astensione dal servizio di 24 ore ma è stata confermata, sarà comunque garantita la continuità delle prestazioni indispensabili.

Si fermerà il personale medico e sanitario, veterinario, tecnico e amministrativo del Servizio Sanitario Nazionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le organizzazioni sindacali, tra cui l'Anaao e la Fp Cgil, saranno anche in piazza il 17 ottobre davanti a Montecitorio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Matrimonio Elettra Lamborghini: tutti i dettagli della cerimonia a poche ore dal 'si'

  • Matrimonio da favola per Elettra Lamborghini: gli abiti da sposa, la torta e i fuochi d'artificio / LE FOTO

  • Pianoro, morto il 17enne coinvolto nell'incidente auto-moto

  • Coronavirus, altri 4 studenti positivi in 4 scuole: 78 in quarantena

  • Covid, tre positivi in due istituti scolastici di Bologna. Una classe del Liceo Righi in quarantena

  • I Portici di Bologna sui barattoli di Nutella

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento