rotate-mobile
Cronaca Piazza San Francesco

Riforma scuola: "sciopero boom" a Bologna vs la 'buona sola' di Renzi

Anche il capoluogo emiliano non resta a guardare: un migliaio oggi in piazza contro la riforma della scuola. Docenti intonano 'Bella ciao', fischi e cori contro il premier 'Puffarolo'

Manifestazioni in tutta Italia contro la riforma della scuola. E Bologna non resta a guardare. Sono circa un migliaio - tra docenti, alunni e personale Ata -  che stamattina hanno preso parte allo sciopero.  Due cortei sono partiti dalle piazze XX Settembre (qui si è radunato il personale scolastico) e San Francesco (qui si sono dati appuntamento gli studenti), per poi confluire nel cuore del centro cittadino.

Nella manifestazione dei docenti si intona "Bella ciao" e nei cori la "buona scuola" diventa la "buona sola"; sullo striscione più in vista campeggia la scritta "Renzi puffarolo", mentre quello di apertura recita "Partigiani della scuola pubblica". Non mancano i fischi indirizzati a Renzi. In corteo sfilano anche Mirco Pieralisi (consigliere comunale indipendente eletto con Sel e presidente della commissione Istruzione) e Massimo Bugani (capogruppo del M5s a Palazzo D'Accursio).
"Di sicuro alle elementari e alle medie lo sciopero è stato un boom- afferma Pieralisi, che è insegnante- ma vedo anche molti docenti delle superiori e non è sempre così". Per i Cobas, l'adesione allo sciopero si aggira sull'80%.

La protesta degli studenti è cominciata invece dalla Prefettura, dove i manifestanti hanno appeso due striscioni che richiamano le morti nel Mediterraneo: "I vostri confini uccidono" e "assassini". Vicino all'ingresso del Palazzo del Governo gli studenti hanno lasciato delle barchette di carta, "rosse come il sangue dei migranti morti in mare".

Sciopero scuola: 'DDL bocciato'

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riforma scuola: "sciopero boom" a Bologna vs la 'buona sola' di Renzi

BolognaToday è in caricamento