Cronaca

Scomparso dall'Ospedale Maggiore: trovato in centro dalla Polizia

Era in attesa al pronto soccorso da qualche ora e intorno alle 7 del mattino è sparito mentre la madre lo aspettava in sala d'attesa. Trovato grazie a una segnalazione: "Affamato e stanco, ma è sotto controllo"

Rodion Bobrynskyi

Era sparito così, dopo aver fumato una sigaretta fuori dal pronto soccorso dell'Ospedale Maggiore, dove era in attesa di essere visitato. Poi, intorno alle 17.00 una segnalazione alla sala operativa della Polizia lo dà in via Castiglione: stanco e affamato, in testa il cappuccio di quella felpa grigia descritta dai familiari. 

La volante del commissariato Due Torri San Francesco è intervenuta subito, ma inizialmente non ha trovato nessuno. Dopo alcune ricerche però gli agenti lo hanno individuato, seduto sotto il portico di via De' Chiari, in stato confusionale. Gli operatori hanno anche capito che non mangiava da alcuni giorni, gli hanno offerto un panino e chiamato i soccorsi.

Il 35enne è stato poi accompagnato in ospedale dove è stato raggiunto dai familiari. Lo hanno trovato due agenti scelti: "Siamo molto felici, ma siamo anche molto stanchi per la ricerca e le emozioni di questi giorni. Mio fratello adesso è sotto controllo ed è con mia madre" ha detto la sorella a BolognaToday. 

"Non stava attraversando un buon periodo, era così agitato che abbiamo deciso di farlo visitare"

Ha 35 anni, è ucraino e non parla italiano, ha da tempo raggiunto i suoi genitori e la sorella nel bolognese, a Riola di Vergato: "Siamo molto in apprensione perchè è scomparso ormai da diversi giorni, dalla prima mattina del 24 agosto. Non stava attraversando un buon periodo e l'altra sera era così agitato che abbiamo deciso di farlo visitare. Così da Vergato è stato trasportato a Bologna. Era al pronto soccorso insieme a nostra madre quando è uscito per fumare una sigaretta per sparire poi nel nulla intorno alle 7 del mattino". Dall'Ospedale Maggiore fanno sapere che dopo aver allertato i i professionisti del pronto soccorso sono state attivate le procedure per l'allontamaneo dei pazienti nonostante l'uomo non fosse di fatto ricoverato. 

"Niente cellulare, niente soldi.  Non ha nulla con sè e conosce solo poche frasi in italiano: "Non conosce la zona del Maggiore perchè ha vissuto solo a Riola. Non conosce nessuno perchè da quando è arrivato in Italia è sempre stato a Riola e quasi esclusivamente dentro casa. Parla solo il russo e l'ucraino" spiega Inna. 

Avete sporto denuncia? Quali sono le condizioni di suo fratello? "La denuncia è stata fatta il 25 agosto, il giorno dopo la scomparsa, alla Polizia Ferroviaria della Stazione Centrale di Bologna. Mio fratello non sta molto bene e siamo preoccupati per questo. E' un po' abbattuto e nei giorni precedenti aveva manifestato insofferenza oltre a qualche piccolo scatto violento. Chiediamo a tutta la comunità di Bologna di aiutarci a trovarlo". 

Un aiuto per riconoscerlo: come era vestito? Qualche segno particolare? "Al momento della scomparsa indossava una felpa con cappuccio grigia e dei pantaloncini neri con una scritta bianca, Ai piedi delle ciabatte di colore blu. Come segno particolare ha una cicatrice sul sopracciglio". L'appello va insomma a chiunque possa averlo notato: in tal caso rivolgersi alle forze dell'ordine. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scomparso dall'Ospedale Maggiore: trovato in centro dalla Polizia

BolognaToday è in caricamento