Castiglione dei Pepoli: sconti Tari fino al 75% per le attività commerciali

Il sindaco: "Siamo consapevoli della difficoltà di tante imprese e del loro ruolo strategico per il nostro territorio"

Il sindaco

Il Comune di Castiglione dei Pepoli ha stanziato 40 mila euro del bilancio comunale per ridurre la Tari alle attività commerciali colpite dalla crisi legata all’emergenza sanitaria Covid-19. Oltre al 25% di sconto sulla parte variabile della Tari a tutte le attività che hanno dovuto chiudere durante la quarantena, secondo l'indicazione generale di Arera, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, il Comune ha previsto un ulteriore sconto del 25% della parte variabile per la Tari 2020 a chi, nonostante abbia riaperto, vede ridotti i propri ricavi a causa delle limitazioni e del distanziamento obbligatorio, quindi bar, ristoranti, alberghi, negozi, botteghe di parrucchieri o estetisti.

Attraverso una nota, il Comune comuncia che un ulteriore sconto del 25%, che porta la riduzione complessiva al 75% riguarderà i cinema e i teatri, tra le attività più colpite da questa emergenza anche perché in tanti non hanno nemmeno riaperto: per loro oltre tutto la riduzione della parte variabile della Tari è estesa all’anno 2021 e 2022.

Le riduzioni sono immediatamente applicabili già nei prossimi bollettini, visto che la giunta ha deliberato d’urgenza in attesa poi della ratifica del consiglio. In questo modo la riduzione sarà garantita a tutti senza le necessità di ulteriori domande, graduatorie o pratiche burocratiche. Si tratta del secondo intervento voluto dall’amministrazione comunale a sostegno dopo le riduzioni sulla Cosap di maggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A spiegare la decizione è il sindaco Maurizio Fabbri : "Abbiamo voluto applicare riduzioni superiori a quelle previste da ARERA, perché siamo consapevoli della difficoltà di tante imprese e del loro ruolo strategico per il nostro territorio. È vero che c'è un crescente interesse per l'Appennino, ma per poterlo cogliere serve un tessuto produttivo commerciale che regga l'urto di questa crisi, che va quindi aiutato il più possibile. Questa operazione è molto onerosa per il nostro bilancio, ma la riteniamo necessaria".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, tre ragazzi positivi nei licei di Bologna: controlli su 90 tra studenti e professori

  • Maltempo a Bologna e provincia: persone intrappolate dall'acqua, allagato anche l'asse attrezzato

  • Dove mangiare pesce a Bologna: 4 imperdibili ristoranti

  • Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

  • Aggressione in casa: tenta violenza sessuale, lei scappa in strada

  • Due locali di Bologna tra le '20 Migliori Pizze in Viaggio in Italia'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento