Coronavirus, il preside del Salvemini: "In emergenza la scuola non si ferma"

Braga, dirigente scolastico dell'istituto di Casalecchio di Reno, racconta l'esperienza che la scuola sta sperimentando in questi giorni di lezioni a distanza: "Gli studenti hanno reagito in maniera sorprendentemente positiva"

"Premetto che considero fondamentale nell'istruzione il contatto diretto, che ha una valenza emotiva che non puo' essere sostituita dall'istruzione a distanza. Lo dico perche' c'e' chi si sta preoccupando che gli insegnanti vengano sostituiti dai monitor". Carlo Braga, il preside dell'istituto 'Salvemini' di Casalecchio di Reno racconta l'esperienza positiva che la scuola sta sperimentando in questi giorni di 'emergenza' da Coronavirus. "Fatta questa premessa- prosegue Braga- devo dire che noi come istituto di fatto abbiamo un livello tecnologico avanzato avevamo gia' delle realta' consolidate, perche' l'istruzione degli adulti prevede che il 30% sia fatto a distanza. Poi, nel nostro piano dell'offerta formativa abbiamo l'istruzione a distanza prevista per tutti i casi in cui lo studente, per motivi di salute o per motivi diversi, non puo' frequentare. Pertanto avevamo gia' sperimentato vari strumenti digitali. Non sui grandi numeri com'e' successo adesso e questa e' stata proprio la rivoluzione, ossia estendere questi sistemi alla totalita' degli alunni. E la risposta e' stata positiva. Abbiamo avuto la collaborazione degli studenti, che hanno rilanciato sulla pagina Instagram la necessita' di collegarsi sul registro elettronico, abbiamo utilizzato piu' strumenti, le classi virtuali, la piattaforma Moodle per l'e-learning che avevamo gia' in uso e che ci permette la somministrazione e correzione delle verifiche a distanza. E poi anche la piattaforma Meet di Google per i confronti personali o di gruppo con la possibilita' di vedersi in viso".

Vi siete attivati in fretta quindi?

"Ci siamo attivati la domenica per il lunedi'. Per questo dico che c'e' stata una risposta molto pragmatica da parte sia dei docenti sia anche degli studenti, i quali hanno reagito in maniera sorprendentemente positiva. Questo ci ha colpito, perche' anche gli alunni di alcune classi che in presenza si dimostravano poco partecipi, a detta dell'insegnante e con grande stupore, dalla mattina alle 8 erano tutti connessi. Si vede che il nuovo sistema li ha invogliati o incuriositi tant'e' che oggi abbiamo fatto un brevissimo incontro su Meet con i docenti e tutti stavano interrogando, con un sistema o con un altro, e stavano facendo le verifiche".

Lezioni (e lauree) online, ora anche esami: Unibo allarga il perimetro

Non avete quindi incontrato nessuna difficolta'?

"Si', in realta' c'e' un lato critico in tutta questa situazione, e riguarda gli studenti certificati, disabili. Di questi, i gravi sono quelli piu' esposti al fatto che non puoi usare con loro sistemi a distanza e non riescono a essere seguiti. Ci sono alcuni docenti che, volontariamente, sono andati comunque a mantenere il contatto con i ragazzi e so che adesso si sta muovendo qualcosa anche a livello di cooperative, con gli educatori. Pero' questo e' un discorso particolarmente complesso che probabilmente in questa situazione aveva bisogno di un approfondimento piu' articolato. Un autistico grave non deve perdere il contatto con la scuola, se no vuol dire dover ricominciare da zero, quindi adesso vedremo come articolare questo aspetto, insieme con gli educatori. C'e' un movimento di genitori e ci sono gia' delle posizioni che vengono espresse da piu' parti perche' le famiglie si sono trovate in situazione di estrema difficolta'. Questo aspetto pero' non riguarda la didattica a distanza perche' questi ragazzi non usano i computer, non possono guardare il video; riguarda invece un sostegno alle famiglie che forse si poteva prevedere in maniera piu' sistematica".

Dal punto di vista dell'accesso tecnologico invece avete avuto qualche difficolta'?

"No: ho visto dai planning settimanali dei vari docenti che le attivita' sono state spalmate su tutte le materie, non ci sono buchi. Dall'altro canto gli studenti ormai sono tutti dotati di smartphone e quello che facciamo e' accessibile, volendo, anche con il cellulare, che sia Meet, che sia il registro elettronico che ha la sua app, che sia Moodle, che ha il collegamento con il suo link. Non e' nulla di sostitutivo, ripeto, della didattica frontale, della presenza, del contatto e della capacita' di relazione. Pero' riesce in questa fase di emergenza a tamponare una fase potenzialmente critica. Dopodiche', da parte di tutti, studenti e soprattutto docenti, vuoi per curiosita' vuoi per necessita', e' partita una macchina di consultazione, sperimentazione, che ha fatto mettere in gioco tutti quanti. Io oggi quando ho convocato via email l'appuntamento su Meet, non mi aspettavo che ci fossero tutti quanti i docenti collegati, 170 insegnanti contemporaneamente che erano tutti collegati e stavano svolgendo attivita' con le classi. In tutto questo, so che alcuni studenti stanno girando tra i corridoi vuoti dell'istituto un video su 'la scuola ai tempi del Coronavirus' per fare, nel solito stile che li contraddistingue, un video tra il serio e il piacevole. So che stanno lavorando, vedremo cosa saltera' fuori, siamo in attesa di scoprirlo".

Che cosa ne pensa del provvedimento?

"Per quanto riguarda il decreto e' ovvio che ci si adegua alle indicazioni dei tecnici per ridurre il contagio e quindi, contestualmente, ridurre la concentrazione degli studenti credo che sia in linea con questa finalita'. Per quanto riguarda l'aria che si respira in questi giorni, devo dire che il gruppo di lavoro d'istituto ha mostrato un sano realismo e un sano pragmatismo per cui, preso atto di come e' stato impostato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri per quello che riguarda l'attivita' di segreterie e per quello che riguarda l'attivita' d'istruzione a distanza siamo partiti in maniera molto condivisa, molto coesa. La segreteria ha continuato a svolgere le attivita' urgenti, siamo una sorta di centrale solitaria di comando a distanza di tutto quello che deve essere fatto tra docenti e attivita' di ordinaria amministrazione della scuola. So che ci sono sigle sindacali che osteggiano poiche' 'non e' scritto nel contratto quindi il docente non e' tenuto a farlo'. Io su questo ho una visione diversa, ritengo che ci sia un'etica del comportamento per cui, se c'e' un'emergenza fai il sacrificio anche se non c'e' scritto in un contratto. C'e' gente che il lavoro non ce l'ha e trovo spiacevole che ci siano persone che da casa, stipendiate, si pongano il problema che non ci sia scritto nel contratto di doversi collegare al registro elettronico. Trovo che sia una questione morale piu' che contrattuale piuttosto grave. A mio avviso dovrebbe essere condiviso un concetto di comunita' per cui, se c'e' un'emergenza la comunita' fa fronte all'emergenza. So che ci sono state queste polemiche ma per fortuna non tra i nostri docenti". (AGENZIA DIRE) 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, l'Emilia-Romagna chiude palestre e piscine. Sì a spostamenti per lavoro

Treni e autobus regolari: nessuna limitazione per decreto anti coronavirus

Coronavirus, l'ultimo bollettino dalla regione. Secondo morto a Bologna

Festa con 50 persone in un bar di Castel Maggiore: denuncia per il titolare

Coronavirus, biblioteche e musei chiusi fino al 3 aprile. Stop alle visite alla Torre degli Asinelli

Coronavirus, all'ospedale Bellaria tre positivi e 56 operatori in quarantena

Al Sant' Orsola misure straordinarie per la gestione dell’emergenza Coronavirus

Treni e autobus regolari: nessuna limitazione per decreto anti coronavirus

Coronavirus, firmato il decreto: nuove zone rosse, ecco quali in Emilia Romagna

Coronavirus: visite ambulatoriali della Guardia Medica solo dopo contatto telefonico

Coronavirus: come si trasmette, quali sono i sintomi e come cercare di proteggersi

Coronavirus: teatro per bambini chiuso? Si va in scena su YouTube

Coronavirus, paziente positivo in Urologia al Sant'Orsola: attività parzialmente interrotte

Misure precauzionali, incassi persi e stop: anche lo sport fa i conti col coronavirus

Coronavirus, contagio in Appennino: morto 67enne di Gaggio Montano

Coronavirus, sfida social per aiutare i ristoranti: "Un'esplosione di solidarietà"


In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo a Bologna e provincia: persone intrappolate dall'acqua, allagato anche l'asse attrezzato

  • Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

  • Covid, tre positivi in due istituti scolastici di Bologna. Una classe del Liceo Righi in quarantena

  • Due locali di Bologna tra le '20 Migliori Pizze in Viaggio in Italia'

  • Dolci e leccornie: 5 imperdibili pasticcerie a Bologna

  • Covid, 3 studenti positivi a Castello D’Argile e a Bologna: coinvolte 49 persone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento