rotate-mobile
Cronaca

Regione, Castaldini: "Proposta tamponi rapidi in classe, ma la maggioranza non la discute"

Sarebbe caduta nel vuoto la proposta della capogruppo di Forza Italia in Regione

"Ho una grande paura: quella che a breve, rischiando la zona rossa, si possa tornare tutti a casa con la didattica a distanza". Così la capogruppo di Forza Italia in Regione, Valentina Castaldini che ha proposto oggi una risoluzione in Aula per utilizzare i tamponi rapidi, già in dotazione della Regione, per lo screening nelle classi delle scuole superiori. Ma la maggioranza ha preferito non discuterla e non votarla. Le scuole così richiuderanno. L’ennesima scelta incomprensibile che sarà un macigno per le giovani generazioni", ha aggiunto. 

"Ho cercato di impegnarmi a trovare e a proporre una soluzione tempestiva, perché di tempo non ne abbiamo. Nonostante la maggioranza usi ancora la parola 'emergenza' come se nulla fosse. Eppure, da febbraio 2020, dopo quasi dodici mesi è difficile parlare ancora di emergenza- rileva Castaldini - ho proposto che i tamponi rapidi per autodiagnosi, che oggi vengono effettuati in farmacia, fossero fatti direttamente sui banchi di scuola. Non serve personale, non ci sono spese, non ci sono rischi". 

Scuola, studenti del Fermi e Galvani in sciopero: "La situazione dei trasporti non è cambiata"

La capogruppo di Forza Italia ha dunque proposto lo screening ogni 14 giorni all’interno delle classi delle scuole superiori "con i tamponi rapidi già acquistati dalla Regione, ben 2 milioni, di cui sono stati utilizzati ad oggi solo 98.076, e ne restano 1milione e 900mila che possono servire ai 190mila studenti degli istituti superiori emiliano-romagnoli - Per uno screening in classe ogni 14 giorni. E calcolatrice alla mano: ne basterebbero fino alla fine dell’anno scolastico. Senza dimenticare che oltre al costo del test, fornito dalla Regione, viene riconosciuto un contributo di 16,76€ per ogni test effettuato in farmacia, cifra che si potrebbe utilizzare per la gestione degli screening in autodiagnosi all’interno delle scuole - ma - evidentemente la sostanza non conta quanto la forma per la maggioranza della Giunta Bonaccini e così sono stata picchiettata per aver presentato solo stamattina una risoluzione che poteva essere discussa e votata, ma così non è stato".

Per Castaldini si tratta di "un macigno, un altro, sul futuro sociale, psicologico e culturale delle nostre giovani generazioni. Una scelta incomprensibile cui ha dato voce il PD regionale. - e aggiunge - non mi fermerò e farò in modo che questa soluzione, non solo possa essere discussa e votata, ma che possa essere un modello come questa Regione molte volte crea spiragli positivi". 

Preme per una soluazione “burocraticamente” corretta della Giunta Bonaccini "per non lasciare i ragazzi a casa se finiamo in zona rossa. Io ci sto provando. E i metodi poco 'ortodossi'credo valgano il risultato: superare la didattica a distanza laddove il Governo in un anno di “emergenza” non è stato in grado di trovare una soluzione".


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione, Castaldini: "Proposta tamponi rapidi in classe, ma la maggioranza non la discute"

BolognaToday è in caricamento