Cronaca Zona Universitaria / Via de' Castagnoli

Scuola: sciopero della fame per genitori e insegnanti

Genitori, alunni, corpo docente e precari, tutti uniti in protesta, per una settimana no-stop. L'appello è alle Amministrazioni locali, affinchè diano avvio ad azioni che garantiscano il rispetto delle leggi sulla sicurezza e l'handicap e che respingano i tagli

“L’azione del governo ridisegna una scuola non più rispondente al compito affidatole dalla Costituzione, per garantire il diritto allo studio per tutti”, così l’Assemblea genitori ed insegnanti delle scuole di Bologna e provincia ha deciso di manifestare il proprio dissenso in maniera forte.

SCIOPERO DELLA FAME PER UNA SETTIMANA - Al via da oggi uno sciopero della fame a staffetta davanti all’Ufficio Scolastico Regionale al quale parteciperanno mamme e papà, corpo docente, precari e studenti.
L’azione di protesta andrà avanti per una settimana e si rivolge alle Amministrazioni locali, affinchè diano avvio a delibere ed iniziative legali che garantiscano il rispetto delle leggi sulla sicurezza e l’handicap e che respingano i tagli.
Attraverso una nota ufficiale l’assemblea denuncia: “La nostra Regione è in assoluto più penalizzata: i tagli al personale docente raggiungono le 6000 unità e quelli al personale Ata arrivano a 800 unità, a fronte di 5500 alunni in più rispetto allo scorso anno scolastico.”.

CONSEGNUENZE DRAMMATICHE PER ALUNNI - Per i manifestanti se non si prenderanno subito provvedimenti drammatiche saranno le conseguenze, come: “Centinaia di bambini non avranno accesso alla scuola d'infanzia statale o comunale, un numero sempre maggiore di famiglie dovrà chiedere l'intervento pomeridiano di strutture private a pagamento, la riduzione degli organici innalzerà il numero degli alunni per classe a scapito della loro sicurezza e dell’azione didattica, nonché il taglio al personale ATA comporterà ulteriori difficoltà per gestire l'apertura degli edifici, la sorveglianza, il funzionamento dei laboratori e delle segreterie.

SOLIDARIETA' DAL MONDO DELLO SPETTACOLO - Nel corso dello sciopero diversi artisti in gesto di solidarità con i manifestanti, dando vita a spettacoli di intrattenimento. Presenti Ivano Marescotti, Francesca Ballico, Giuliano Bugani, Davide Lora, il duo Idea.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola: sciopero della fame per genitori e insegnanti
BolognaToday è in caricamento