menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riapertura scuola, dopo la Regione anche i sindacati contro: "Inadeguatezza delle linee guida"

"Non servivano consulenti e task force per affermare, ad ormai solo due mesi dalla ripartenza di settembre, che la soluzione per lo svolgimento dell’attività didattica in sicurezza va ricercata nelle forme di flessibilità consentite dall’autonomia scolastica"

Non solo l'assessore regionale alla scuola Paola Salomini e il presidente Stefano Bonaccini, ma anche i sindacati FLC CGIL, CISL Scuola FSUR, UIL Scuola Rua, Snals, Gilda in rappresentanza del personale della scuola e dei dirigenti scolastici, rilevano "l'inadeguatezza" delle linee guida sulla riapertura delle scuole. 

"Non servivano consulenti e task force per affermare, ad ormai solo due mesi dalla ripartenza di settembre, che la soluzione per lo svolgimento dell’attività didattica in sicurezza va ricercata nelle forme di flessibilità consentite dall’autonomia scolastica - fanno sapere i confederali - senza affrontare il nodo delle risorse economiche, umane e logistiche, senza una prospettiva di medio periodo di cui il piano appare privo, il generico ventaglio di suggerimenti contenuti nella bozza del Piano Scuola 2020-21, si finisce per scaricare l’onere di individuare soluzioni organizzative, pressoché impossibili, sui dirigenti e sui lavoratori della scuola - qundi - sostituire parte del tempo scuola (leggasi didattica) con 'altro' non è la soluzione, ma è un problema". 

I sindacati non ritengono "condivisibili del principio costituzionale del diritto all’istruzione e allo studio che vanno garantiti anche l’individuazione di soluzioni esterne alla scuola, che richiamano la pur pregevole attività del
volontariato. Dopo mesi di didattica a distanza lasciata all’auto-organizzazione delle singole scuole, chiediamo al
Governo maggiore concretezza e risposte adeguate all’importanza strategica del settore istruzione
che deve diventare la vera priorità del Paese e della agenda politica. Siamo impegnati perché la scuola riparta e riapra a settembre in presenza ma senza risorse adeguate ed investimenti certi la scuola non potrà dare le risposte che gli studenti, le famiglie si aspettano e che attendono ormai da molti mesi. Il momento è ora: per una scuola rinnovata e più forte di prima". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • WeekEnd

    I 10 eventi da non perdere questo weekend

  • Attualità

    Imola, McDonald’s e Fondazione Ronald McDonald donano pasti gratis

Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento