Cgil, la sede di Santa Viola intitolata a Bruno Papignani

La cerimonia a un anno dalla scomparsa. Presenti i familiari e i vertici locali di Cgil e Fiom. Papignani, prima di ricoprire incarichi nazionali nella Fiom, fu segretario generale del sindacato territoriale e regionale dei metalmeccanici

Foto Facebook Stefano Bonaccini

"Il lavoro, e la qualità del lavoro, sono stati sempre il faro del suo impegno sindacale. Una persona straordinariamente coraggiosa, che ha speso tutta la sua vita a difesa dei lavoratori, del rafforzamento dei diritti e per la crescita di una cultura inclusiva e democratica, dentro e fuori le fabbriche”.

Così il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, questa mattina ha ricordato Bruno Papignani, scomparso un anno fa, in occasione dell’intitolazione a suo nome della sede della Cgil della zona Santa Viola a Bologna, in via del Giglio 7. Presenti i familiari del sindacalista, alla cerimonia sono intervenuti Maurizio Lunghi, segretario Cgil Bologna, Luigi Giove, segretario Cgil Emilia-Romagna, Michele Bulgarelli, segretario Fiom-Cgil Bologna, e Samuele Lodi, segretario Fiom-Cgil Emilia-Romagna.

“Il confronto, vero e a 360 gradi, era la sua cifra autentica nel fare sindacato - prosegue Bonaccini - Sempre con l’obiettivo di trovare le migliori soluzioni possibili nelle diverse vertenze aziendali o situazioni di crisi. Il lavoro è dignità, è vita, e Bruno più di ogni altro sapeva coglieva questo aspetto, nella quotidianità e nelle dinamiche sociali, battendosi per lavoratrici e lavoratori, per chi aveva bisogno, per chi rischiava di rimanere indietro. Preziosa coscienza critica, ci siamo trovati a discutere, a volte trovandoci d’accordo a volte no, ma sempre dalla stessa parte, quella della difesa dell’occupazione, dei siti produttivi, delle professionalità che questa nostra terra esprime”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“E’ stato un uomo di grande sensibilità - chiude Bonaccini - e voglio mandare un abbraccio ai suoi cari. Stiamo provando a uscire da una crisi durissima. Vogliamo recuperare ogni posto di lavoro perso, ma vanno anche recuperate fragilità e ricucite fratture sociali ancor più profonde dopo l’emergenza sanitaria. Servono unità, volontà comune di farcela, per pensare a una società nuova, solidale, davvero attenta alle persone. E in questo senso l’esempio di Bruno Papignani ci sarà d’aiuto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Matrimonio Elettra Lamborghini: tutti i dettagli della cerimonia a poche ore dal 'si'

  • Matrimonio da favola per Elettra Lamborghini: gli abiti da sposa, la torta e i fuochi d'artificio / LE FOTO

  • Pianoro, morto il 17enne coinvolto nell'incidente auto-moto

  • Coronavirus, altri 4 studenti positivi in 4 scuole: 78 in quarantena

  • Le sagre di ottobre da non perdere a Bologna e provincia

  • Covid, il giro di vite anti-contagio di Merola: mascherina obbligatoria nel weekend

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento