rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca

"Ciak" post-covid: in Emilia-Romagna si cercano protezioni e personale sanitario

I set cinematografici dovranno adeguarsi alle disposizione anti-covid. Emilia-Romagna Film Commission segnala esigenze per Bologna, Modena, Ferrara, Forlì-Cesena e Ravenna, location di importanti set cinematografici

Riaprono i set cinematografici in Emilia-Romagna e dovranno adeguarsi in tutto e per tutto alle disposizione di sicurezza anti-covid. Per le riprese non sono necessarie solo le classiche maestranze addette ai set ma anche operatori sanitari, fornitori di dispositivi di protezione, addetti alla sanificazione per far lavorare con la massima protezione attori, registi e tecnici.

Emilia-Romagna Film Commission invita imprese, gestori di servizi e professionisti che lavorano con le misure previste dai protocolli di sicurezza a registrarsi sulla banca dati regionale, in vista delle prossime produzioni di Bologna, Modena, Ferrara, Forlì-Cesena e Ravenna

Le produzioni dovranno lavorare in linea con i protocolli di sicurezza del settore e con quelli specifici per ogni ambito, che prevedono dall’uso di protezioni personali alla sanificazione di oggetti, abiti, arredi, fino all’esecuzione di test periodici.

Le richieste non si limitano solo ai dispositivi di protezione (mascherine, guanti, disinfettanti e termo scanner), ma saranno neccessari anche personale medico, laboratori per l’esecuzione di tamponi, servizi di sanificazione (per auto, costumi di scena). Sono richieste inoltre agenzie di catering, servizi di pulizia, fornitura di toilette mobili, noleggio auto, roulottes e motorhome, parrucchieri e barbieri, autisti, sorveglianti.

La registrazione va effettuata nella banca dati della Regione Emilia-Romagna in materia di cinema e produzione cinematografica, dove i nominativi saranno attivi sino al decadimento dell’obbligo al rispetto dei protocolli di sicurezza.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ciak" post-covid: in Emilia-Romagna si cercano protezioni e personale sanitario

BolognaToday è in caricamento