menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sgomberato il condominio "Garibaldi 2" di Calderara: fuori 82 persone, tra cui 8 famiglie con minori

Il Comune: "Epilogo di un lungo percorso avviato con l’emissione del preavviso di inagibilità. Ci siamo adoperati per trovare soluzioni abitative e/o di sostegno per ciascuno"

Sgomberato il condominio “Garibaldi 2” di Calderara di Reno, dove all'alba di oggi sono state avviate le attività di sfollamento dei blocchi 4,5,6 coordinate da Prefettura e Questura di Bologna, a seguito dell’ordinanza del sindaco di Calderara che, il 29 giugno 2016, ne ha disposto l’inagibilità per motivi igienico-sanitari, con il conseguente divieto all’uso.
Già lo scorso 25 agosto scorso erano stati liberati i piani 4°, 5° e 6° per un totale di 18 appartamenti abitati complessivamente da 47 persone.
 
L’intervento odierno interessa invece i piani 1°, 2° e 3° per un totale di 25 appartamenti, abitati da 82 persone, di cui 8 nuclei con minori, poiché nel frattempo, insieme all’Amministrazione comunale, è stata trovata una soluzione per 43 persone. Sono i numeri snocciolati dal Comune di Calderara, che spiega che "quest’ultimo atto di sgombero è l’epilogo di un lungo percorso avviato a settembre dello scorso anno con incontri informativi, l’emissione a dicembre del preavviso di inagibilità, che ha consentito con anticipo di mettere i residenti a conoscenza della situazione complessiva. In questo periodo l’Amministrazione, che ha costituito un’unità di progetto specifica, si è adoperata per trovare soluzioni abitative e/o di sostegno economico per ciascuno, soprattutto per tutelare le famiglie con minori".
 
Per quanti non hanno accettato le proposte abitative trovate per loro –aggiunge l’Amministrazione comunale- "i servizi sociali sono e restano a disposizione in Comune per incontrare individualmente le persone interessate in modo da poter risolvere le varie situazioni".

A seguito dell’ordinanza di inagibilità per motivi igienico-sanitari dei blocchi 4, 5, 6 del Garibaldi 2, il Comune fa poi sapere di aver messo in campo "una serie di professionalità diverse che in questi mesi hanno ripetutamente incontrato, ascoltato e parlato con ciascun residente, cercato soluzioni adeguate alla situazione specifica di ogni nucleo, e proposto strade per sostenere i residenti nella ricerca di diverse collocazioni sul territorio che possano essere per loro anche una occasione di maggiore integrazione sia sociale che culturale".
Le diverse soluzioni sono state proposte a seguito di una istruttoria sulle caratteristiche del nucleo familiare, considerando variabili come la capacità economica, la possibilità di spostarsi autonomamente sul territorio, il tipo di lavoro svolto, se con turni diurni o notturni, dove viene svolto, quanti figli sono presenti nel nucleo e dove vanno a scuola, ecc. "in modo - chiosa la'mministrazione - da poter individuare fra le proposte quale fosse la situazione più corrispondente alle caratteristiche e alle capacità di ciascun nucleo.”
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Superenalotto, la dea bendata bacia Vergato: centrato un '5'

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento