Cronaca

Sgombero Xm 24, Bonaccini: “Se si era convinti, sarebbe stato cinico farlo dopo il voto”

Il presidente uscente sull'operazione di sgombero della ex caserma si è detto rispettoso delle scelte del Comune, che è attento "ai bisogni delle persone, anche quelle più fragili ”

Interrogato sulla possibilità che lo sgombero di Xm 24 dalla caserma Sani possa influenzare la decisione di voto degli abitanti della Bolognina alle regionali del 26 gennaio, l’attuale presidente della Regione Emilia-Romagna, e candidato per il centrosinistra alle prossime regionali, Stefano Bonaccini, a margine di un incontro in Bolognina della lista di 'Emilia-Romagna Coraggiosa”, ha risposto che “rispetta le scelte dell’amministrazione comunale“. Sulla possibilità di fare lo sgombero dopo il 26 gennaio, a voti già stabiliti, ha commentato che sarebbe stato “cinico” farlo dopo se c’era già l’intenzione di farlo.

Il presidente Bonaccini ha fatto notare che “è’ stata una scelta dell’amministrazione comunale su un tema che riguarda gli spazi che devono tornare in un utilizzo differente” .

Per quanto riguarda le tempistiche dello sgombero in relazione alle elezioni ha detto che “rischierebbe di essere davvero cinico farlo solo dopo (il voto) per nascondere prima, per il rischio di perdere qualche consenso elettorale” e, alla domanda se appoggiasse o meno questa decisione ha concluso dichiarandosi “rispettoso delle scelte che fanno i Comuni, in particolare, un’amministrazione attenta ai bisogni delle persone, anche quelle più fragili, come quella Bolognese”.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sgombero Xm 24, Bonaccini: “Se si era convinti, sarebbe stato cinico farlo dopo il voto”

BolognaToday è in caricamento