Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sicurezza, reati in calo. 'Priorità spaccio anche nel 2019'

Il punto della Prefetta in conferenza stampa con il Questore e i comandanti provinciali di Carabinieri e Guardia di Finanza

 

In un anno i reati sono calati a Bologna del 5% circa: -5,6% in citta' e -5,1% a livello metropolitano. Ancora piu' sostanzioso il calo dei furti, scesi rispettivamente del 9,1% e 7,7%. Certo, manca ancora una decina di giorni alla fine dell'anno, ma le cifre fornite dalle forze dell'ordine parlano di una tendenza comunque positiva praticamente per tutti i reati piu' diffusi.

I dati non ancora validati sulla citta' parlano di 35.311 reati complessivi commessi in citta' nell'ultimo anno, contro i 38.986 dell'anno precedente: in crescita da un anno all'altro, in base ai dati forniti oggi dalla Prefettura in occasione del bilancio annuale, ci sono solo alcune voci come i furti su auto in sosta (2.037 contro 1.985), le rapine (471 contro 464) e i danneggiamenti (2.935 contro 2.855).

"L'analisi dei dati che abbiamo fatto negli ultimi giorni e' sicuramente positiva- sottolinea il prefetto Patrizia Impresa- abbiamo un trend in discesa per quanto riguarda le attivita' di controllo del territorio perche' i reati, soprattutto quelli percepiti come piu' pericolosi dalla cittadinanza, sono in calo, sia a Bologna che nel territorio" della Citta' metropolitana.

Ma le soddisfazioni maggiori riguardano operazioni come quelle portate a termine in Montagnola. "Sono soddisfatta- dice ancora il prefetto- perche' gli obiettivi che ci aravamo prefissati per contrastare la criminalita' ma soprattutto per rendere piu' vivibili alcune zone della citta' in parte sono riusciti". 

Di un "anno piuttosto proficuo" parla anche il questore Gianfranco Bernabei. Un "andamento molto confortante- dice- ma sappiamo che la percezione d'insicurezza rimane molto alta, per questo ci siamo concentrati su luoghi come la Montagnola dove questa e' forte.

Devo dire pero' che ora il volto di quel parco e' completamente cambiato". Per Impresa e' anche l'occasione per un bilancio personale sui primi mesi trascorsi sotto le Due Torri. "Questa citta' mi ha accolto bene. Ho trovato bella sintonia tra formazione di prefetto e la realta' cittadina, una sinergia positiva", dice.

Nel 2019, a Bologna, verranno ampliati i cosiddetti mini-daspo: "lo allargheremo a zone diverse da quelle codificate finora. Andremo anche nelle zone dei mercati, delle fiere, attorno ai plessi scolastici".

Per Impresa una priorita' sara' il "contrasto allo spaccio", che "oggi ha avuto una recrudescenza, quantomeno in un aumento di utilizzo". "Bologna- afferma il prefetto- soffre fortemente di questa piaga che negli ultimi tempi e' anche sentita come piu' impattante. E' sviluppato soprattutto in centro storico e in zona universitaria e porta con se' anche degrado". L'obiettivo, piu' in generale, e' "rendere sempre piu' vivibile questa citta' nella sua bella complessita'.

Con una sinergia di collaborazioni: nei prossimi giorni- informa Impresa- inviero' al presidente della Regione una bozza di accordo che si potrebbe fare in materia di sicurezza". Una intesa su scala regionale aprirebbe le porte ad accordi nell'area metropolitana "per rendere piu' efficaci le misure" previste dal decreto sicurezza. Altra priorita' citata da Impresa la lotta alla criminalita' organizzata, compreso l'"uso dei beni confiscati in maniera fruibile per la cittadinanza". 

Infine, sempre nel 2019, la stazione di Bologna avra' i suoi tornelli. "È stato presentato un progetto che e' in corso di esame. Credo che avra' la sua realizzazione", sottolinea Impresa.

 Ora il progetto delle ferrovie "e' stato anche inviato alla Soprintendenza- informa Impresa- e c'e' la disponibilita' a recepire eventuali rilievi. È un'opera interamente finanziata da Trenitalia e saranno fatti investimenti anche sulle attivita' commerciali e anche questo contribuira' da un altro punto di vista a rendere piu' funzionale la stazione".

Il prefetto sottolinea che la 'chiusura' a chi non ha il biglietto del maggiore scalo ferroviario della citta' attraverso sistemi di filtraggio "ha prodotto risultati positivi nelle altre citta', perche' il viaggiatore sente una maggiore sicurezza". (Dire)

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento