Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al via sierologici gratis in farmacia per alunni e famiglie | VIDEO

Lo screening, su base volontaria, è gratuito e si rivolge a bambini e alunni 0-18 e maggiorenni iscritti alle superiori, con rispettivi familiari se conviventi, e studenti universitari con medico in regione Emilia-Romagna

 

Al via, da oggi lunedì 19 ottobre, lo screening gratuito promosso dalla Regione Emilia-Romagna, prima in Italia, dedicato agli studenti di ogni ordine e grado (0-18 anni e maggiorenni, se iscritti alle superiori), familiari conviventi (tra cui genitori, nonni, fratelli e sorelle di alunni, sempre fino alla scuola secondaria superiore), e agli universitari, purché assistiti in Emilia-Romagna.

Ecco l'elenco delle farmacie 

Basta prenotare un appuntamento in una delle farmacie aderenti e, fino alla fine dell'anno scolastico, sarà possibile sottoporsi al test anche più di una volta.

Toschi, Federfarma Emilia-Romagna: "Grande adesione"

È stata immediata e positiva la risposta dei cittadini alla chiamata per lo screening su base volontaria con i test sierologici rapidi in farmacia per la ricerca degli anticorpi anti SARS-CoV-2. Il test, effettuato su campioni di sangue capillare (pungidito), permette di identificare se le persone sono entrate in contatto con il virus e sono asintomatiche e conseguentemente di impedire la nascita di focolai di Covid-19

Ad oggi sono circa 800 le farmacie che hanno aderito alla campagna in Emilia-Romagna e tutte hanno immediatamente registrato un altissimo numero di prenotazioni.

"Abbiamo registrato da subito un altissimo interesse da parte dei cittadini, che si recano in farmacia o chiamano per prenotare il test – spiega Achille Gallina Toschi, presidente di Federfarma Emilia-Romagna -, credo sia un segnale estremamente positivo e indice anche di un grande senso civico da parte delle persone".

"Stimiamo – al ribasso – che solo nella prima giornata saranno tra gli 8 e i 10mila i test effettuati in regione; un numero destinato nei prossimi giorni e settimane a crescere, per due motivi: da un lato ci sono ancora farmacie che si stanno attrezzando per fornire il servizio, dall’altro perché, una volta rodato il meccanismo, pensiamo potrà aumentare il numero di test che ogni farmacia riesce a processare quotidianamente".

"Ringrazio l’Assessore Donini e il governatore Bonaccini per aver creduto nella capacità delle farmacie di essere un alleato imprescindibile in questa battaglia di prevenzione e controllo. L’emergenza Covid 19 ha mostrato in maniera evidente quanto importante sia la rete sul territorio delle farmacie e quale e quanto supporto la categoria possa dare ai cittadini, muovendosi in maniera concertata con le istituzioni e in logica di servizio. In regione abbiamo un modello virtuoso che ci auguriamo venga replicato in altri territori e che può crescere anche qui, ampliando ulteriormente il target. Abbiamo infatti molti cittadini che ci chiedono di poter effettuare il test, anche a pagamento".

Dpcm 18 ottobre 2020 in Gazzetta ufficiale: il testo integrale del nuovo decreto Conte 

Quale è il target 

Possono accedere al test gratuito tutti i bambini e ragazzi da 0 ai 18 anni e i maggiorenni che frequentano la scuola secondaria superiore, con i loro genitori, fratelli e sorelle e gli altri familiari conviventi. Non solo, perché la Regione ha voluto includere anche un’altra fascia significativa della popolazione: gli universitari che hanno il medico di medicina generale in Emilia-Romagna.

Per effettuare il test è sufficiente prendere appuntamento con il farmacista, consultando l’elenco degli aderenti sul sito, che sarà costantemente aggiornato. In caso di minori, un genitore o tutore deve dare il proprio consenso ed essere presente al momento del controllo, che avverrà sempre nel rispetto di tutte le misure di sicurezza, dall’uso obbligatorio e corretto della mascherina all’igienizzazione delle mani all’ingresso, dal controllo della temperatura corporea al distanziamento.

Sierologici in farmacia, sindacati: "Garantire sicurezza"

Il farmacista registrerà sul Portale regionale delle Farmacie i dati della persona che si sottopone al test; in caso di positività, il cittadino sarà contattato dai Servizi di santità pubblica dell’Azienda sanitaria di assistenza per eseguire il tampone nasofaringeo.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento