rotate-mobile
Cronaca Castiglione dei Pepoli

Simona Prunea, la mezzofondista rumena che ha scelto di vivere in Appennino (e che il Comune ha premiato)

Un medagliere di tutto rispetto all'attivo, ha iniziato a correre a 14 anni. Poi una pausa ventennale, l’arrivo in Italia, la gravidanza, la ripresa degli allenament. Da quel momento, e grazie al sostegno del marito, non si è più fermata

Oro sui 5000 metri, argento sui 1500 metri e bronzo sugli 800 metri ai mondiali di master a Tampere in Finlandia: è il medagliere personale portato a casa di Simona Prunea, la mezzofondista di origine rumena che ha scelto di vivere nell’Appennino bolognese, precisamente a Castiglione dei Pepoli, assieme al marito Alin.

Un anno di successi

Un trittico di medaglie per Prunea che, con la prestazione mondiale, ha sugellato un anno di successi: campionessa italiana 1500, 800, 3000 metri Indoor Ancona; campionessa Europea Indoor 800, 1500 ed argento con record italiano a Braga in Portogallo; titolo italiano a squadre 4x2km Cross Trieste e campionessa italiana 800, 1500m outdoor Grosseto. Allenata da Massimo Santucci, Prunea fa parte della società sportiva Gs Orecchiella Garfagnana e ogni giorno si “divide” tra il lavoro in corsia e le piste di atletica. Simona Prunea, infatti, lavora in una struttura privata accreditata di Castiglione dei Pepoli e finito di lavorare indossa la tuta sportiva per mantenere la forma che le permette di raggiungere risultati mondiali.  

PRUNEA BANDIERA-2

Lo stop lungo 23 anni, l'italia, la famiglia e il ritorno alla corsa

Ha iniziato a correre all’età di 14 anni e dopo la partecipazione a qualche competizione sportiva, si è sono presa una “pausa” di circa 23 anni: l’arrivo in Italia, la gravidanza, la famiglia e poi la ripresa degli allenamenti e delle corse nel 2013. Da quel momento e grazie al sostegno del marito non si è più fermata. E i risultati lo dimostrano.

Il riconiscimento dal Comune di Castiglione

Di recente la mezzofondista ha ricevuto un riconoscimento per meriti sportivi per mano dell’assessora allo sport del comune di Castiglione dei Pepoli, Elena Roccheforti, che ha dichiarato: “siamo orgogliosi di Simona che con i suoi risultati porta sul gradino più alto dello sport non solo il nome di Castiglione, ma anche di tutto l’Appennino e dell’Italia. Il nostro è un piccolo riconoscimento ad una persona che eccelle nello sport così come nella vita professionale e personale”.

“Sono grata al comune di Castiglione per questo riconoscimento, grata all’associazione sportiva Orecchiella Garfagnana per darmi l’opportunità oltre che al mio allenatore Massimo Santucci e mio marito Alin. Senza di loro non avrei mai raggiunto questi risultati”, ha spiegato Simona Prunea.

prunea3-2

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Simona Prunea, la mezzofondista rumena che ha scelto di vivere in Appennino (e che il Comune ha premiato)

BolognaToday è in caricamento