Cronaca

Sindacalista ucciso da un tir: Fiom proclama lo sciopero di tutte le aziende emiliano-romagnole

Adil Belakhdim è stato travolto e ucciso a Novara da un camion durante un presidio

"Non si può morire mentre si rivendicano i diritti dei lavoratori". Con questo slogan Fiom Emilia-Romagna proclama per domani, 23 giugno, due ore di sciopero alla fine di ogni turno di lavoro di tutte le aziende alla regione, dopo la morte del sindacalista Adil Belakhdim, travolto e ucciso a Novara da un camion durante un presidio "per la difesa dei diritti dei lavoratori, davanti a un deposito di una catena di supermercati".

"E' un fatto che non solo deve indignarci, ma che deve anche farci riflettere sulle degenerazioni del neo-liberismo e ripensare rispetto all’iniziativa collettiva del sindacato, insieme alle lavoratrici e ai lavoratori, per rimettere al centro la dignità dell’uomo e del lavoro si legge nella nota Fiom E-R - I lavoratori di quel presidio, esattamente come quelli picchiati da ultimo solo pochi giorni prima in altre aziende a Lodi e a Prato, ci parlano di condizioni di lavoro e di diritti ormai
seriamente compromessi dalla sola logica del profitto ad ogni costo, in un contesto del mondo del lavoro sempre più frammentato e che tende a dividere e mettere in competizione gli stessi lavoratori all’interno dei diversi cicli produttivi".

Sindacalista investito e ucciso da un tir, Si Cobas Bologna: "Repressione feroce e insensata"

Per il sidnacato "Le ragioni di quelle proteste vanno comprese e sostenute perché sono le stesse nostre che anche in molte aziende e siti metalmeccanici abbiamo dovuto agire negli anni, ponendoci noi tutti davanti ai camion per la difesa delle condizioni e dei posti di lavoro e della continuità
produttiva - quindi - è necessario affermare un nuovo modello sociale basato sulla ricomposizione collettiva, che ribalti le priorità dell’agenda politica, mettendo il valore della vita al primo posto, le condizioni di lavoro, la salute, la sicurezza e aumentando le tutele sociali complessive".

Una manifestazione nazionale si terrà sabato 26 giugno nel nome e del ricordo di Adil.

Fine blocco sfratti, sindacati in piazza: "Ricorso a esecuzioni forzate, si rischia il conflitto sociale"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sindacalista ucciso da un tir: Fiom proclama lo sciopero di tutte le aziende emiliano-romagnole

BolognaToday è in caricamento