menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza rifiuti: la Regione E-R aiuta Roma per lo smaltimento

L'annuncio di Stefano Bonaccini dopo l'ammonimento alla Raggi: "Sarà uno smaltimento di piccole quantità prestabilite, per un periodo limitato e tassativamente non reiterabili"

Rifiuti romani in Emilia Romagna: la Regione ha accolto la richiesta d'aiuto del Lazio sui rifiuti e ad annunciarlo è stato il presidente Stefano Bonaccini, il quale inizialmente aveva chiesto alla sindaca Virginia Raggi di "abbassare i toni" sulla questione. 

"Lo facciamo - ha detto Stefano Bonaccini - per solidarietà istituzionale e senso di responsabilità di fronte a difficoltà che non possono continuare a ricadere sui cittadini. Ma sarà uno smaltimento di piccole quantità prestabilite, per un periodo limitato e tassativamente non reiterabili". 

IL MINISTRO GALLETTI: "SOLUZIONE EMERGENZIALE". "La soluzione trovata è emergenziale e limitata nel tempo, per scongiurare l'ennesima situazione di crisi per Roma: si usi questo tempo e questa apertura istituzionale per individuare le soluzioni strutturali che da tempo mancano a Roma quando si parla di chiusura del ciclo integrato dei rifiuti", ha detto il ministro dell'Ambiente Galletti.

IL GRAZIE DI ZINGARETTI AL COLLEGA BONACCINI. Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti ha ringraziato Bonaccini attraverso una nota stampa: "Ringrazio il presidente per l'aiuto che ha voluto dare a Roma. In questo modo si evita che almeno per un periodo di 40 giorni la Capitale vada in emergenza rifiuti". 

ALAN FABBRI, LEGA NORD “DIVENTIAMO LA PATTUMIERA DI ROMA”. “Per colpa di un Pd incapace di tenere il punto diventiamo la pattumiera di Roma”. Così Alan Fabbri, capogruppo Lega Nord in Regione Emilia Romagna, attacca la decisione assunta dalla giunta regionale di accogliere e smaltire negli inceneritori di Parma, Modena e Granarolo i rifiuti in arrivo dal Lazio per i quali la sindaca Virginia Raggi aveva chiesto aiuto.

“E’ una decisione sbagliata e indice di un’amministrazione regionale debole, incapace di resistere alle pressioni di altri territori, anche se queste vanno a scapito dei cittadini”, aggiunge Fabbri. “Nonostante la boria con cui i grillini sbandieravano il loro ambientalismo, infatti, dovremo pensare noi a rimediare alle loro incapacità, smaltendo nei nostri inceneritori i rifiuti prodotti nella capitale durante le feste”. Per Fabbri “si tratta di un’offesa ai territori virtuosi come quelli dell’Emilia Romagna e ai tanti cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata e poi finiscono per dover “respirare” il pattume degli altri”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento