menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
SOCIAL LOG IN PIAZZA E - IN BASSO- MOMENTI DI TENSIONE CON LE FORZE DELL'ORDINE

SOCIAL LOG IN PIAZZA E - IN BASSO- MOMENTI DI TENSIONE CON LE FORZE DELL'ORDINE

Viale Masini, sigilli allo sportello per il diritto all'abitare di Social Log

Sequestrato il locale, occupato dal collettivo. Tensioni con le forze dell'ordine. Attivisti in piazza: "Non ci fermiamo qui, ci sentiamo responsabili per le 1600 famiglie in difficoltà che negli ultimi 3 anni si sono rivolte a noi"

Blitz della Digos stamattina in viale Masini, allo sportello per il diritto all'abitare del collettivo Social Log, impegnato sul tema dell'emergenza abitativa in città. La Polizia è giunta sul posto per dare esecuzione ad un provvedimento di sequestro penale. Sono così scattati i sigilli per il locale, che era  occupato abusivamente dal collettivo dal 2013.
Quando sono arrivati i poliziotti, negli uffici di Social log non c’era ancora nessuno. Alcuni attivisti, per protestare contro la 'cacciata', si sono prima radunati su viale Masini, poi hanno marciato alla volta di Piazza Masocial log forze ordine viale masini-2ggiore.

Social Log denuncia alcuni momenti di tensione con le forze dell'ordine, registrati stamane sul viale Masini: 'Ci sono state due cariche della Polizia - racconta il portavoce Fulvio - e due persone sono rimaste ferite. Si tratta di un ragazzo e di una mamma, i quali avrebbero subito delle lesioni durante i tafferugli con le forze dell'ordine'. Sulla pagina Facebook anche le foto delle ferite: "Alcuni scatti di contusioni e teste spaccate dalle aggressioni della celere. In serata pubblicheremo altre foto dei segni delle manganellate".

PROTESTA IN PIAZZA. Un grosso striscione è apparso sulla fontana del Nettuno, si legge: 'Basta sfratti, basta sgomberi'. I militanti fanno sapere che 'Social Log non finisce qui'. Con i sigilli al loro sportello, l'attività quindi non termina perchè - dicono "Ci sentiamo responsabili per le tante famiglia che si sono rivolte a noi in questi anni. Sono state 1600 - dal novembre 2013 ad oggi - e noi non le abbandoneremo. Tra loro per lo più persone rimaste vittime della crisi, che fino a 6/7 anni fa riuscivano a fronteggiare un mutuo, oggi non riescono più e si trovano sotto sfratto".

Un nuovo sportello per il diritto all'abitare "riaprirà presto", hanno annunciato gli attivisti, lanciando anche un corteo, fissato per il prossimo sabato,  per ribadire il diritto ad un tetto sulla testa. Il 'serpentone' partirà da piazza dell'Unità alle 15.30.

SEL CONTRO LO SGOMBERO. Sel reagisce male allo sgombero dello sportello Social Log, "si consuma così la vendetta politica contro chi ha difeso il diritto degli ultimi, chi ha realizzato, con le famiglie dell'ex Telecom, un esempio di convivenza civile e chi ha realizzato uno sportello d'ascolto cui si rivolgevano centinaia di famiglie sfrattate e senza casa". Sono le parole di Mirco Pieralisi consigliere comunale di SEL. "Ora i locali che svolgevano una funzione sociale e univano ciò che la povertà e la crisi dividono tornano agli interessi di chi ha tutto e si disinteressa di tutti. - continua ad attaccare il consigliere - Ancora una volta tutto si consuma nell'inerzia delle autorità politiche locali, che registrano, in maniera notarile, l'esistenza del dramma della povertà. Solidarietà a Social Log. Il loro lavoro deve continuare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento