menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La motorizzazione

La motorizzazione

L'amico gli somiglia, lo manda a fare il test della patente al posto suo: arrestato

Arrestato alla Motorizzazione dopo un inseguimento: 32enne ha organizzato uno scambio di persona per superare l'esame di teoria della patente

Un 32enne ha pensato bene di farsi sostituire all'esame della patente dall'amico che conosce l'italiano più di lui. La scoperta del è avvenuta nella mattinata di ieri, a seguito di un’indagine sul regolare svolgimento delle sessioni di esame teorico per il conseguimento della patente di categoria B presso la sede della Motorizzazione Civile di Bologna, la Polizia di Stato ha proceduto all’arresto di un pakistano e alla denuncia a piede libero di un suo connazionale per truffa, sostituzione di persona e resistenza a pubblico ufficiale.

Tra i canditati che dovevano tenere l’esame, vi erano persone di nazionalità extracomunitaria che all’atto della presentazione dell’istanza di esame avevano fatto sorgere dubbi sulla conoscenza della lingua italiana e quindi sull’apprendimento delle nozioni richieste per sostenere correttamente la prova.

Nel piazzale antistante gli uffici della MCTC i poliziotti hanno poi notato una persona che dal carteggio d’esame corrispondeva al nome di R.O.,un pakistano di anni 32, che avrebbe dovuto trovarsi all’interno dell’aula per sostenere il test e: insospettiti da tale anomalia ed al fine di accertare l’identità dell’individuo, riscontravano che la persona seduta in aula aveva fornito un documento intestato a nome di R.O. pur non essendo lui. 

Il sospetto di una sostituzione di persona (reso possibile dalla somiglianza dei tratti somatici dei due e dalla mancanza di documenti di identificazione da parte della persona nel piazzale) ha spinto gli agenti ad approfondire l’accertamento nei confronti dell’esaminando il quale, vistosi scoperto, al fine di sottrarsi al controllo ha scaraventato a terra uno dei due poliziotti e si è dato alla fuga, scappando a piedi per le vie limitrofe alla Motorizzazione.

L’inseguimento è culminato con il fermo del soggetto - poi identificato per un pakistano di 27 anni - che veniva tratto in arresto dagli agenti della Sezione Polizia Stradale per resistenza a pubblico ufficiale, truffa e sostituzione di persona; anche “il compare”, effettivo beneficiario della prova di esame, veniva è stato e denunciato, in concorso con “l’amico”, per il reato di truffa e sostituzione di persona.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I Giardini Margherita, tra tesoretti e sorprese inaspettate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento