Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si ferisce e lascia le impronte: arrestato autore di tre spaccate-fotocopia|VIDEO

E' stato individuato dalla Squadra Mobile che ha indagato su tre furti notturni ai danni di due farmacie e di un negozio di animali in centro

 

La Squadra Mobile della Questura di Bologna ha arrestato C.M., cittadino tunisino di 47 anni, pluripregiudicato, per furto aggravato. La  misura è stata emessa dal GIP del Tribunale di Bologna, su richiesta del P.M. Nicola Scalabrini, dopo le indagini relative a tre spaccate, messe a segno tra luglio e settembre del 2020. 

La Squadra Mobile – IV Sezione contrasto al crimine diffuso, ha contestato al 46enne i tre furti notturni ai danni di due farmacie, in via Emilia Ponente e in via Saffi, e di un negozio di animali in via Riva di Reno, con un bottino di circa 2mila euro. 

Spaccate e furti lungo la via Emilia: banda al palo, colpi anche nel Bolognese | VIDEO

Come ricostruito dagli inquirenti, l'uomo, con alle spalle precedenti penali soprattutto in materia di stupefacenti, agiva seguendo lo stesso copione: raggiungeva l’esercizio commerciale preso di mira in piena notte in sella alla bicicletta e una volta infranta la vetrina, si introduceva all’interno e asportava il fondo cassa.

Le indagini 

La Squadra Mobile ha ricostruito nel dettaglio tutte le spaccate attraverso le immagini dei sistemi di videosorveglianza, riconoscendo il soggetto, già noto. Inoltre, la Polizia Scientifica di Bologna ha rilevato, in uno degli episodi, un’impronta digitale, e analizzato alcune gocce di sangue. Il 46enne infatti si era ferito infrangendo una vetrina. 
Sulla base delle indagini, il P.M. titolare delle indagini, ha richiesto ed ottenuto dal GIP la misura cautelare della custodia in carcere, con l’Ordinanza già notificata il 25 gennaio.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento