menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto archivio

foto archivio

Coronavirus, si spacciano per corrieri ma nascondono 70 grammi di cocaina

I due sono stati denunciati anche per inosservanza del decreto anti coronavirus. Denunciato anche un altro soggetto per droga in zona San Donato

Due buste con 70 grammi di cocaina, 135 euro e un bilancino. È quello che ieri pomeriggio la polizia ha sequestrato durante un normale controllo in via Ferrarese: protagonisti due italiani - un bolognese classe '86 e un siciliano classe '74 - ora agli arresti per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. I due, da subito poco collaborativi con gli agenti, erano a bordo di un furgone: avevano nascosto le buste di cocaina sotto il cambio.

I due uomini sono stati denunciati anche per inosservanza del decreto anti coronavirus (art 650 codice penale) perché inizialmente hanno dichiarato di lavorare per una ditta di consegna, cosa poi rivelatasi una scusa.

Denuncia per droga

Sempre ieri, la polizia ha denunciato per detenzione di droga un trentenne di nazionalità algerina e irregolare sul territorio. Gli agenti lo incrociano con la bicicletta alle 13, in via Galeotti, zona San Donato, e lo vedono entrare in una pizzeria da asporto che ha la serranda semiabbassata.

Poco dopo entrano anche loro e sorprendono il soggetto in bagno mentre tenta di buttare 11 dosi di cocaina, equivalenti a cinque grammi, poi recuperate. Sotto sequestro anche 400 euro. L'uomo non lavora nella pizzeria che, in base a quanto si apprende, è estranea ai fatti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento