Sparatoria in via Stendhal: 41enne ferito da due colpi di pistola

La vittima, un ristoratore cinese, è stata operata d'urgenza: ferito a un braccio e ad un fianco, è stato colpito di striscio anche ad una tempia. Ricercati gli aggressori; si cerca di capire il motivo di quello che sembrerebbe un agguato in piena regola. Gli inquirenti: 'Non escludiamo nessuna pista'

via Stendhal

Sembrerebbe un agguato in piena regola quello andata in scena ieri sera, poco dopo le 22 , in via Stendhal, nel quartiere Navile, dove a seguito di una sparatoria in strada è rimasto gravemente ferito un 41enne cinese, incensurato e regolare sul territorio.
Da quanto si apprende, la vittima stava partecipando a una festa all'interno di un ristorante asiatico insieme anche alla moglie. Ad un certo punto è uscito in strada, dove forse è stato attirato con un pretesto. Una volta fuori dal locale, è stato raggiunto da due colpi di pistola. Da una prima analisi sarebbero stati esplosi 4 colpi, due quelli inesplosi. A premere il grilletto, probabilmente alcuni connazionali, per motivi che al momento restano ignoti. Dopo l'agguato, gli aggressori sono riusciti a scappare e ora sono ricercati dalla polizia. 

La vittima è rimasta ferita ad un avambraccio e ad un fianco, ma poteva andare molto peggio, visto che è stata colpita di striscio anche ad una tempia. Il 41enne è stato soccorso dai sanitari del 118 e trasportato all'Ospedale Maggiore, dove è stato sottoposto ad un intervento chirurgico d'urgenza. Da quanto si apprende, fortunatamente non verserebbe in pericolo di vita. La prognosi è di 30 giorni.

TESTIMONIANZE E INDAGINI. Sul posto sono intervenuti diversi agenti di polizia e la scientifica, che hanno avviato le indagini nel tentativo di risalire ai "cecchini". Ad allertare la polizia sono state due persone che hanno chiamato, quasi in concomitanza, il 113: una telefonata è arrivata dall'interno del ristorante, una seconda dall'esterno, dall'altro capo del ricevitore una persona richiedeva l'intervento dei poliziotti segnalando una lite in corso. 
Al momento si brancola ancora nel buio, secondo quano riferiscono gli inquirenti, che non sono riusciti ancora a ricostruire l'esatta dinamica dei fatti, nè le motivazioni dell'aggressione. Le prime testimonianze raccolte non avrebbero fornito elementi utili per chiudere il cerchio sull'indagine. Si attende di poter interrogare la vittima, per poterci capire qualcosa di più. A ora - chiosano serafici dalla Questura - "non ci sentiamo di escludere nessuna pista".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm | Scuole, locali, palestre & co: ecco le nuove misure approvate

  • Coronavirus Emilia-Romagna: +544 nuovi casi, boom a Bologna

  • Test sierologici gratuiti e rapidi, ecco l'elenco delle farmacie aderenti a Bologna e provincia

  • Bar e ristoranti, nuova ordinanza: fissato il termine di chiusure e riaperture

  • Top 100 manager Forbes 2020: in classifica anche due bolognesi

  • Covid, Dpcm firmato: ecco le nuove regole anti contagio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento