Cronaca Centro Storico / Via IV Novembre, 22

Vittime di violenza e minori: psicologia ambientale nel nuovo "Spazio di ascolto protetto"

Operativo 24 ore su 24, è coordinato dallo psicoterapeuta della Polizia. Criteri di psicologia ambientale per riportare le persone fragili a uno stato di tranquillità, anche l'ascolto degli agenti coinvolti in operazioni particolarmente drammatiche

All'interno del palazzo della Questura, ma con ingresso separato, al civico 22 di via IV Novembre. E' il nuovo "spazio di ascolto protetto" inaugurato ieri sera. Alla realizzazione ha collaborato l'associazione di donne Soroptimist International d’Italia – Club di Bologna, le cui attività sono finalizzate alla protezione delle fasce deboli.

Lo spazio, operativo 24 ore su 24 e coordinato dallo psicologo e funzionario di Polizia Carlo Barbieri, è stato studiato secondo criteri di psicologia ambientale per riportare le persone fragili a uno stato di tranquillità: colori delle pareti, illuminazione, insonorizzazione, la possibilità di servire una bevanda calda e persino la diffusione di essenze, menta e cannella in questo caso, per il loro effetto rilassante. "Sono stato tenace e alla fine dopo due anni ci siamo riusciti" ha dichiarato il Questore Vincenzo Stingone "qui c'è anche di più, una sala di ascolto anche per operatori". Infatti in via IV Novembre è previsto anche il "defusing", colloqui anche ad agenti di polizia coinvolti in episodi particolarmente gravi e drammatici.

Importante anche la dotazione tecnologica: telecamere, monitor microfoni e uno specchio unidirezionale. All'interno si potranno svolgere anche gli incidenti probatori per i minori.

"Non a caso è stato scelto il 10 dicembre per l'inaugurazione" ha detto l'avvocato Carla Casali di Soroptimist "oggi nel 1948 l'ONU approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani". (GUARDA IL VIDEO)

Quella di Bologna è una delle sei questure italiane ad avvalersi di uno psicoteraupeta a disposizione delle persone più fragili. All'inaugurazione hanno partecipato, oltre alle autorità di polizia e dei carabinieri, anche il Prefetto Ennio Mario Sodano, l'Assessore alla sicurezza Nadia Monti, il Procuratore Capo Roberto Alfonso e il direttore dell'Istituto Penale Minorile Alfonso Paggiarino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vittime di violenza e minori: psicologia ambientale nel nuovo "Spazio di ascolto protetto"

BolognaToday è in caricamento