menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto DIRE

Foto DIRE

Spazio Oz smantellato: "Il dove si va resta un rebus. Salutiamo Bologna"

L'approdo poco fuori il confine comunale del capoluogo è ancora incerto e, ironia della sorte, pare che anche il capannone reso disponibile da Unipol per sistemare attrezzature e materiali in attesa di una nuova sede sia fuori Bologna

Lo spazio OZ sfrattato da via Stalingrado, adesso se ne va davvero. "Ebbene si', alla fine sta succedendo per davvero. Oz se ne va" dai capannoni dell'ex Samp trasformati nel tempo in palestre di sport urbani e non solo finchè Unipol non ha comprato tutto. Nonostante i pressing e gli appelli al colosso cooperativo delle assicurazioni, non resta che il trasloco. Per dove, ancora non si sa.

Trasloco: ma per dove non si sa

Per ora, annuncia il gruppo di animatori di Oz dal profilo Facebook non nascondendo una certa amarezza e postando una foto degli spazi ormai spogli delle attrezzature, "stiamo smantellando quello che in anni di fatiche ed entusiasmi abbiamo montato, strutture che sono state per molti motivo di crescita e allenamento, competizioni e spettacoli, vita vissuta all'interno di un mondo che non si e' stati in grado di far continuare a vivere". Il 'dove si va' resta al momento un rebus. Ma pare proprio che con la citta' delle Due torri l'esperienza sia chiusa. "Salutiamo Bologna e guardiamo avanti".

Bye bye Bologna, dunque. Per di piu' al momento non e' chiaro neppure se una parte delle attivita' possa accasarsi in spazi nel Comune di San Lazzaro. L'approdo poco fuori il confine comunale del capoluogo e' ancora incerto e, ironia della sorte, pare che anche il capannone reso disponibile da Unipol per sistemare attrezzature e materiali in attesa di una nuova sede sia fuori Bologna.

"Sarà un percorso lungo e complicato"

"Dove va Oz? Per ora non c'e' niente... Sappiamo che sarà un percorso lungo e complicato" quello di trovargli una nuova 'casa', fanno sapere gli animatori dell'ex palestra dei funamboli urbani. Scenario da affrontare dopo che nei mesi scorsi, senza scendere nei dettagli, Oz aveva riferito di aver ricevuto chiamate di interessamento da altre citta' fuori regione e perfino dall'estero. Ma l'intenzione era di restare sotto le Due torri "perche' Bologna non puo' perdere un posto cosi'".

(Dire) 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I Giardini Margherita, tra tesoretti e sorprese inaspettate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento