rotate-mobile

Lo spazzino di quartiere anche a Porto-Saragozza, Lepore: "Saranno visti come eroi" | VIDEO

"Questo è un servizio che si basa sulle persone, ognuno con le proprie competenze e con le proprie sensibilità. Ma serve collaborazione: aiutiamoli"

Si allarga il progetto “Spazzino di quartiere” del Comune di Bologna in collaborazione con Hera. Dallo scorso lunedì, infatti, il servizio è attivo anche nel quartiere Porto-Saragozza e nella zona di Santo Stefano dentro le mura. Quindici operatori, divisi in dieci microzone, saranno attivi giorno e notte per pulire aree critiche, monitorare le esigenze dei cittadini, raccogliere rifiuti abbandonati e segnalare quelli ingombranti. Dopo il buon esito della prima fase che ha visto interessate le zone di San Donato, San Vitale e Santo Stefano fuori le mura, ora anche il quartiere Porto-Saragozza potrà usufruire del servizio. La zona è stata divisa in otto microzone e, a controllare i lavori, è stata istituita una struttura di presidio composta da un referente territoriale e da un tutor, mentre a livello operativo ci saranno gli spazzini della onlus La Fraternità, cooperativa sociale del Consorzio Ecobi. Le otto microzone di Porto-Saragozza e le due di Santo Stefano dentro le mura compongono un mosaico di ben cinquanta microzone in cui è stata suddivisa l’intera città.

Spazzino nel quartiere Porto-Saragozza, le parole di Lepore

“È un progetto basato sulle persone – ha dichiarato il sindaco Matteo Lepore nell’incontro tenuto nel giardino Bandiera De Coubertin di via Eugenio Curiel – ognuno con la propria competenza e la propria sensibilità nel rapportarsi con i residenti di quartiere. Lo spazzino essere una figura amata e rispettata e i bolognesi devono sapere che noi vogliamo prenderci cura della città. Vorremmo migliorare il rapporto tra i cittadini e gli spazzini, vorremmo che fosse visto come una figura amica e a cui dare una mano. Siamo partiti d’estate perché ce ne era bisogno. A settembre avremo più capacità di intervento, ma ripeto: spero che i cittadini ci aiutino a migliorare il servizio. Vi confido il mio piacere nel sapere che le segnalazioni vengono spesso risolte prima che l’amministrazione la comunichi ad Hera. C’è bisogno però che i cittadini imparino a gestire bene i rifiuti. Chi li abbandona non si sta comportando bene nei confronti della città. È il dettaglio che fa la differenza. Se risolveremo questi problemi, i cittadini vedranno gli spazzini come eroi”.

Cambia la raccolta dei rifiuti: arriva lo spazzino di quartiere

Sullo stesso argomento

Video popolari

Lo spazzino di quartiere anche a Porto-Saragozza, Lepore: "Saranno visti come eroi" | VIDEO

BolognaToday è in caricamento