Bestseller Castel San Pietro: i figli del patron vittime dell'attentato in Sri Lanka

Rimasti uccisi tre figli di Anders Holch Povlsen, proprietario della catena Bestseller, la cui sede italiana si trova a Castel San Pietro Terme

Tre dei quattro figli di Anders Holch Povlsen, proprietario della catena di abbigliamento internazionale Bestseller, la cui sede italiana si trova a Castel San Pietro Terme (di fronte alla stazione) fra le vittime degli attentati di Pasqua in Sri Lanka.

Il sindaco, l'Amministrazione comunale e l'intera città di Castel San Pietro Terme sono addolorati e affettuosamente vicini a Anders Holch Povlsen, alla sua famiglia e a Bestseller Italia per la tragica e incomprensibile perdita dei tre figli. "Una morte inaccettabile e incomprensibile perché fondata sull'odio religioso. Bestseller Italia con Bjorn Iversen CEO sono sempre stati vicini alla nostra città con la loro voglia di fare buona impresa e dare occupazione e futuro ai nostri figli e figlie. Non siete e non sarete soli", scrive in una nota l'amministrazione. 

Nei giorni precedenti la tragedia, una delle figlie di Povlsen, Alma, aveva pubblicato su Instagram un’immagine dei tre fratelli (Astrid, Agnes e Alfred) a bordo piscina in un albergo. Ancora non è chiaro ancora quale dei ragazzi sia sopravvissuto.

Oltre 300 i morti delle esplosioni in alberghi e chiese rivendicate dall'Isis, tra i quali 45 bambini, e non si contano i feriti.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

  • "Evasione fiscale da 140 milioni di euro": Maxi sequestro della Finanza, anche auto storiche di lusso

Torna su
BolognaToday è in caricamento