rotate-mobile
Cronaca Stadio Dall'Ara

Restyling stadio Dall'Ara, obiettivo: "Tutelare bene storico. Pronto in 3-4 anni"

Così l'assessore allo sport, che illustra lo stato di avanzamento del progetto e perchè Comune e società, almeno per il momento, puntano a ristrutturare il vecchio stadio, più che a uno nuovo di 'zecca'

Gli "importanti" passi avanti nel progetto di restyling dello stadio Dall'Ara, sono stati confermati in sede di Question Time in Comune, dall'Assessore allo sport Luca Rizzo Nervo, che ha voluto ricordare come l'opera sia "oggetto già da alcuni mesi di una intensa collaborazione" tra il Comune di Bologna, i suoi tecnici e il Bologna calcio.

Avremo una nuova location e uno stadio del tutto nuovo o vedremo risorgere il Dall'Ara dalle sue 'ceneri'? Per il momento l'ipotesi del restyling del vecchio stadio è quella più accreditata, anche se non la sola sul piatto. La convinzione "comune è che  la  scelta preferibile - da verificare nella sua fattibilità - sia  quella di mantenere lo stadio Renato Dall'Ara come lo stadio del Bologna  e quindi preferire una soluzione che ne preveda il restyling, all'ipotesi - che pur non sono ancora completamente tolte dal campo - di nuovi insediamenti, di un nuovo stadio in una zona  he sarebbe tutta da verificare, ovviamente con un impatto sul consumo  di suolo che ne deriverebbe".

Così l'assessore, che ripercorre le tappe: dopo la promozione del Bologna, in tempi record, in tre mesi  si sono riuscite a ottenere tutte le autorizzazioni e le condizioni per i primi importanti lavori che hanno riguardato la tribuna dello stadio, le zone di ospitalità e una larga parte dei seggiolini dello stadio in un'ottica di riqualificazione di questi luoghi. Questo lavoro è proseguito ed è proseguito anche una volta ch  il Bologna calcio ha identificato nell'architetto Gino Zavanella il progettista a cui affidare la definizione del progetto di restyling del Dall'Ara.

Un passaggio fondamentale è stato poi quello di interpellare sul tema la Sovrintendenza, alla quale la scorsa settimana è stato consegnare il progetto preliminare del restyling dello stadio, con una relazione di accompagnamento, in alcune parti redatta dal Bologna e dai suoi progettisti e in altre importanti parti redatta dal Settore Patrimonio del  Comune.

Si tratta, infatti, di un intervento di riqualificazione "anche dal punto di vista della tutela del bene storico monumentale che è il Dall'Ara (datato 1927)", ricorda Rizzo Nervo, "Questo intervento è un'occasione anche di tutela essendo che nel progetto si supererebbe la struttura in ferro posizionata in occasione di mondiali di Italia '90 - che oggettivamente  oggi impedisce una qualunque anche solo percezione del monumento storico e architettonico che è il Dall'Ara - che verrebbe smontata completamente".

Perchè mantenere il Dall'Ara? In un'ottica di tutela  dei beni storico architettonici, il far si che il Dall'Ara rimanga lo stadio del calcio  del Bologna, immaginando una sua ristrutturazione  funzionale, " è l'unico modo per immaginare una sua tutela, facendo anche riferimento a molti altri casi in cui la perdita di quell'uso, penso allo stadio Flaminio di Roma o allo stadio Filadelfia di Torino, la  perdita dell'uso sportivo in quanto stadio ne ha prodotto un profondo degrado e un rischio molto concreto di una difficile tutela anche per quello che riguarda i costi, che a quel punto l'Amministrazione comunale dovrebbe sostenere". Così spiegano da Palazzo D'Accursio. 

I prossimi passi? Ora  la Sovrintendenza eserciterà le proprie funzioni, nel tempi necessari, facendo una valutazione preliminare,  soprattutto in ordine ad alcuni elementi imprescindibili per quel progetto, come la copertura completa delle tribune dello stadio, e l'avvicinamento delle curve che oggi sono molto lontane dal campo, in prossimità del campo. La verifica di questi e altri aspetti sarà fondamentale - spiega l'assessore - "per consentire al Bologna calcio di fare definitivamente la sua scelta, e quindi di fare partire anche una fase di progettazione ancora più specifica e dettagliata, da cui deriveranno le conseguenti azioni nell'auspicabile prospettivache nel giro di 3 o 4 anni lo stadio possa essere oggetto del restyling e riconsegnato alla città, anche come un oggetto di riqualificazione, un'occasione di rigenerazione per quel quadrante di città".  
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Restyling stadio Dall'Ara, obiettivo: "Tutelare bene storico. Pronto in 3-4 anni"

BolognaToday è in caricamento