Liceo Galvani, lutto al rientro a scuola: è morto il prof Stefano Tampellini

Docente di italiano e latino: "Una lunga malattia, affrontata con la forza pacata che l’ha sempre caratterizzato"

Il liceo ginnasio Luigi Galvani di Bologna riapre con un lutto: è morto il professore Stefano Tampellini. "Ci ha lasciato ieri sera dopo una lunga malattia, affrontata con la forza pacata che l’ha sempre caratterizzato - si legge nella lettera di cordoglio dell'istituto - Italianista sensibile, si è costantemente distinto per un’attenzione premurosa all’interiorità dei suoi ragazzi, che accompagnava in un percorso non soltanto di formazione culturale, ma anche di crescita come individui consapevoli e critici, e che per questolo ricambiavano di una stima e di un attaccamento profondi. Nel tempo ha lasciato la sua impronta in tutti i Consigli di Classe a cui ha partecipato, rappresentando un interlocutore ideale particolarmente nel corso di Tedesco in cui ha lavorato tanti anni".

Nonostante la malattia "anche negli ultimi mesi ha continuato a guidare il dipartimento di Lettere con passione e scrupolosità, dedicando la sua intelligenza alla progettazione di iniziative di ampio respiro - si legge - raramente abbiamo incontrato nella nostra scuola un docente così garbato nelle relazioni, acuto nei giudizi, ironico nelle osservazioni, così presente tutte le volte che avevamo bisogno di lui. Una porta aperta e accogliente è quello che viene in mente quando pensiamo a lui, come la porta dell’aula dalla quale si diffondeva in corridoio la sua voce gentile quando spiegava".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il personale del lice infine si stringe "con affetto alla moglie Maryam, al figlio Davide e a tutti i suoi cari, ci affidiamo alla lanterna del suo esempio perché ci guidi in questo momento buio. Cercando di pensare, insieme a Tagore, che «la morte non è una luce che si spegne. E’ mettere fuori la lanterna perché è arrivata l’alba».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, tre ragazzi positivi nei licei di Bologna: controlli su 90 tra studenti e professori

  • Liceo Galvani, lutto al rientro a scuola: è morto il prof Stefano Tampellini

  • Dove mangiare pesce a Bologna: 4 imperdibili ristoranti

  • Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

  • Aggressione in casa: tenta violenza sessuale, lei scappa in strada

  • Marzabotto, festa di compleanno in casa: 34 multe per assembramento e 3 denunce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento