rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Cronaca Savena / Via Augusto Murri

Sterlino, concreta la salvezza: arrivato il sostegno economico dall'Università

Oggi inviato al Coni il bonifico 'salva-Sterlino'. L'assessore allo sport: "Ce l'ha fatta il CUSB ma ce l'ha fatta tutta la città... Ora comincia una fase due, finalmente tutta bolognese!"

La salvezza per lo "Sterlino", la piscina olimpionica bolognese, si concretizza. A bandire lo spauracchio della chiusura, ipotizzato nei mesi scorso, è il sostegno economico giunto da parte dell''Ateneo di Bologna, che attraverso una nota ha oggi comunicato: "Dopo un'attenta analisi e valutazione della situazione finanziaria e del profilo istituzionale della vicenda "Sterlino", l'Università ha deciso di intervenire con un sostegno finanziario transitorio per garantire e tutelare una struttura importante sia per la comunità universitaria che cittadina."

Alma Mater ha poi precisato: "L'iniziativa dell'Ateneo nei confronti del Cus Bologna - un soggetto giuridicamente autonomo rispetto all'Università - intende in tal modo favorire gli studenti e il personale tutto dell'Alma Mater attraverso i servizi della piscina di via Murri".

A riprova delle concrete intenzioni dell'ente arriva anche l'annuncio dell'assessore allo Sport Luca Rizzo Nervo, che conferma : "E' appena stata inviata a Coni Servizi dal CUSB il bonifico con la fidejussione di € 330mila per l'acquisto dell'impianto Sterlino. Ce l'ha fatta il CUSB ma ce l'ha fatta tutta la città. I tanti che in questi mesi hanno sostenuto il salvataggio della piscina, a partire dagli attuali gestori, dagli allenatori e dai nuotatori ai lavoratori dello Sterlino che hanno 'tenuto botta' in questi mesi difficili."
L'assessore nel ringraziare il ministro Gnudi e l'Università "che ha dato una mano decisiva per affrontare questo ultimo miglio di strada", ha chiosato: "Ora comincia una fase due, finalmente tutta bolognese.".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sterlino, concreta la salvezza: arrivato il sostegno economico dall'Università

BolognaToday è in caricamento