rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Cronaca Centro Storico / Strada Maggiore

Strada Maggiore chiusa? 'No problem', in bici sotto i portici. Negozianti: 'Paura per i clienti'

Nonostante i cartelli apposti ovunque in Strada Maggiore, chiusa per i lavori di pavimentazione, ciclisti imperterriti in sella sotto i portici. Negozianti: 'Già in condizioni di fragilità, sarebbe civile collaborazione'

"Si ricorda che i portici sono percorribili con bici solo portate a mano". Nonostante i tantissimi cartelli, grandi e piccoli, apposti ovunque in Strada Maggiore, chiusa per lavori stradali, sono talmente amanti delle loro due ruote, da non voler scendere di sella neanche sotto i portici. Lo conferma anche un recente ricerca di una compagnia assicurativa: felsinei e bicicletta, amore vero.

Ciclisti di ogni età, razza e, si potrebbe dire anche, religione a volte suonano anche il campanello per far spostare i pedoni e avere la "pista" libera o fare gimcane tra i tavolini dei bar (GUARDA IL VIDEO), anche se tra tanti indisciplinati, altrettanti però guidano la loro bici a mano.

La segnalazione arriva da Anita Della Monica che stamattina aveva scritto sul suo profilo Facebook: "... Che ho paura, paura per il mio negozio situato in Strada Maggiore... In difficoltà come per tutti gli altri negozianti, per le 'persone' che girano sotto i portici in bici mettendo a repentaglio la sicurezza degli altri con assoluta inciviltà ... Ho paura perché nessuno risponde alle mie richieste di confronto nonostante siano in possesso del mio numero telefono...".

Bologna Today e andata a verificare: è bastata una mezzoretta per trovare riscontro alla segnalazione di Anita, che ci accoglie con la collaboratrice e amica Flavia nel suo particolare negozio di stoffe di fronte al portico di Santa Maria dei Servi: "Questo è un posto particolare, ci vengono a trovare molte persone, amici. Non è polemica sterile la mia, non servirebbe, eravamo già in una condizione di 'fragilità', ai lavori stradali speriamo di sopravvivere - come si legge in un cartello apposto nel suo negozio - ma si tratta di collaborazione, ci sono anche persone anziane e qualche giorno fa proprio una signora 82enne ha rischiato l'impatto con una bici, ha preso un grande spavento, è cardiopatica così la figlia per il momento l'ha portata via da Bologna".

Strada Maggiore (e non solo): in bici sotto i portici

VIGILI. Ci sono e sorvegliano l'area, ma si può far notare a un cittadino che sta infrangendo una regola?: "Si può, certo la reazione può essere diversa, da quella civile a quella più aggressiva- ci dicono - il cittadino non può intervenire in altro modo. Non abbiamo visto ciclisti in sella, ma noi siamo in divisa, se ci avvistano da lontano, scendono".

NON SOLO STRADA MAGGIORE. Non è certo sola Anita in questa denuncia, ma è insieme ad altri negozianti, ma purtroppo la passione dei ciclisti per i portici non riguarda solo Strada Maggiore stressata dal corposo e lungo cantiere. Stesse scene in via San Vitale, con una variante, si percorre anche contromano. 

Ultimo non per importanza, sul cartello si legge anche: "Si confida nella massima collaborazione per garantire la sicurezza di tutti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strada Maggiore chiusa? 'No problem', in bici sotto i portici. Negozianti: 'Paura per i clienti'

BolognaToday è in caricamento