Strage 2 agosto, racconto shock di un sopravvissuto: "Mi risvegliai sotto un treno"

Tonino, poliziotto abruzzese da poco a Bologna, aveva preso un permesso: "Stavo andando a un matrimonio a Roma. Doveva essere un giorno felice"

Tonino Braccia

Tonino Braccia nell'estate del 1980 faceva il poliziotto a Bologna. Era stato trasferito in città (lui è abruzzese) da un paio di mesi e il 2 agosto era un giorno speciale per lui, un giorno di permesso: sarebbe partito per Roma in occasione del matrimonio di una parente. Arrivato in stazione intorno alle 10.00 ha fatto il biglietto e in attesa del suo treno si è accomodato nella sala d'attesa. 

Trascorso un tempo per lui indefinito, dopo un'esplosione di cui non si è neppure reso conto, ha riaperto gli occhi grazie a un getto d'acqua fredda e ha capito di trovarsi sotto un treno: «Sono stato investito, ecco quello che ho pensato - racconta l'oggi 58enne scampato alla strage della stazione dell'80 - a farmi riprendere i sensi l'acqua della toilette del treno che mi sovrastava, mentre tutto intorno era il caos, il panico. Ero steso sul primo binario immobilizzato, sotto un treno, un braccio non lo sentivo più e con l'unico occhio che sono riuscito ad aprire ho visto persone distese, forse morte. Vedevo tutto giallo, tanta polvere e poi finalmente sono arrivati i soccorsi». 

Bolognesi: "Stragi tutte collegate, svolta con gli atti in digitale"

Nel tragitto verso l'ospedale Sant'Orsola Tonino è svenuto di nuovo, poi (gli hanno detto 14 giorni dopo) è stato in coma farmacologico fino al 16 agosto: «Quando mi sono risvegliato dal coma mi hanno raccontato ciò che era successo e mi sono ritrovato con un dito della mano amputato, omero, femore e anca rotti, un braccio che non sarebbe mai più tornato come prima. Mi hanno ricostruito tutto il corpo, ma i segni li avrei portati per sempre, insieme a una invalidità del cento per cento». 

Come è andata avanti la sua vita? «Fra un ospedale e l'altro per anni. Sono tornato in Abruzzo e mi sono sposato. Ho avuto un figlio che oggi ha 32 anni (e vive a Bologna ndr), poi da un secondo matrimonio ne è arrivato un altro, che oggi ha 13 anni. Essere sopravvissuto ha avuto in grande significato per me, che sono credente, ma è stata molto dura. Quando mio figlio si chiedeva perchè il suo papà non lo teneva in braccio, perchè non andava con lui in bicicletta come facevano gli altri padri...allora gli ho raccontato cosa mi era successo. Lo Stato mi è stato vicino, sono stato messo in pensione a soli 31 anni (frustrante non riuscire più a fare il lavoro che amavo) e mi è stata riconosciuta l'invalidità». 

E' più riuscito a entrare in una stazione, a prendere un treno? «Sì, ci sono riuscito, ma dopo 35 anni. E l'ho fatto proprio per tornare a Bologna e raccontare la mia storia insieme all'Associazione fra le vittime della strage alla stazione». 

Celebrazioni 2 agosto, ministro Bonafede: "Negligenza decennale dello Stato"

APPELLO PER NON DIMENTICARE

BolognaToday rivolge un appello ai suoi lettori, per far sì che eventi che tanto hanno segnato, straziato, la storia della nostra città, e del nostro Paese, non si perdano tra le piaghe della memoria. Non fermiamoci. Continiamo a tenere i riflettori accesi, anche ricordando attarverso le voci dei testimoni tutto l'orrore e il dolore che il 2 agosto 1980 ci ha consegnato. Se volete dunque condividere i vostri ricordi, foto, video e quanto altro   con noi scirveteci a : bolognatoday@citynews.it , oppure in privato sulla nostra pagina Facebook.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Divieto spostamenti Natale, Bonaccini: "Rischia di isolare chi vive in un piccolo comune"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Covid, a Natale tutte le regioni in zona gialla? Bonaccini: "Aprire anche bar e ristoranti"

  • Dad e rendimento scolastico, il prof del Fermi: "E' dura, ma i vincenti trovano la via e non le scuse"

Torna su
BolognaToday è in caricamento