Cronaca

Strage di Bologna: sbloccati 3 milioni per i vitalizi ai familiari dei feriti

Buone notizie per i vitalizi ai figli e alle mogli dei feriti nelle stragi e con invalidità superiore al 50%: sono disponibili poco meno di tre milioni di euro nella Legge di stabilità. Paolo Bolognesi annuncia un primo risultato del suo pressing

Buone notizie per i vitalizi ai figli e alle mogli dei feriti nelle stragi e con invalidità superiore al 50%: sono disponibili poco meno di tre milioni di euro nella Legge di stabilità.

Dopo la 'dimenticanza' e le settimane di tensione, prima al Senato poi alla Camera, Paolo Bolognesi, deputato PD e presidente dell'Associazione dei parenti delle vittime della strage alla stazione di Bologna, può annunciare un primo risultato del suo pressing. Quello sui vitalizi, appunto, ha superato l'iter in commissione Bilancio, la stessa che aveva bocciati perchè privo di copertura, l'emendamento per i risarcimenti ai parenti delle vittime su cui si era pubblicamente impegnato il ministro Graziano Delrio lo scorso 2 agosto a Bologna. Per gli indennizzi previdenziali, i cosiddetti risarcimenti, si dovrà  lavorare ancora (cercando fino a maggio 2014 un accordo con Ragioneria dello Stato ed Inps).

Bolognesi conferma che ora c'è copertura per la partita dei vitalizi di figli e mogli dei feriti (sono stati esclusi i genitori), spiega che per gli indennizzi si lavorerà da gennaio in poi con l''impegno a trovare una soluzione entro maggio 2014: "Non c'è tutto perchè'' l'Inps continua a fare terrorismo contrattuale dicendo che se si applica quel che chiediamo facciamo saltare i suoi conti. Però intanto un pezzettino lo abbiamo fatto", commenta. (agenzia Dire)

DIMISSIONI. Per il "fallimento" della sua mission parlamentare Paolo Bolognesi era statoinvitato a dimettersi dalle minoranze in consiglio comunale, in primi il Movimento 5 Stelle e poi dagli esponenti di centro-destra. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage di Bologna: sbloccati 3 milioni per i vitalizi ai familiari dei feriti
BolognaToday è in caricamento