Accadde oggi: centouno anni dalla strage di Palazzo D'Accursio

Il sindaco Birginio Merola ha deposto un mazzo di fiori sullo scranno del fu consigliere Giulio Giordani

Il sindaco di Bologna, Virginio Merola, ha deposto questa mattina un mazzo di fiori sullo scranno occupato da Giulio Giordani, consigliere comunale ucciso il 21 novembre 1920 durante l’assalto a Palazzo d’Accursio. Con il sindaco hanno ricordato Giulio Giordani anche i nipoti, Piergiulio e Raffaella. L’amministrazione comunale ha inoltre deposto una corona alla lapide che nel cortile d’onore di Palazzo d’Accursio ricorda le vittime del 21 novembre 1920.

Il 21 novembre 1920 nell’aula del Consiglio comunale di Palazzo d’Accursio si stava insediando la nuova amministrazione comunale a seguito delle elezioni generali del 31 ottobre 1920, ma l’elezione di Enio Gnudi, socialista, nominato sindaco di Bologna, non verrà mai ufficializzata perché la seduta viene tragicamente interrotta: da Piazza Maggiore - dove erano scoppiati dei tumulti - un gruppo di fascisti invade la sala del consiglio comunale. Nello scontro muoiono 10 persone tra cui il mutilato di guerra Giulio Giordani, consigliere di minoranza. L’amministrazione comunale viene sciolta e viene insediato il commissario prefettizio: il 21 novembre da allora viene ricordata come la data della strage di palazzo d’Accursio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

Torna su
BolognaToday è in caricamento