Cronaca Navile / Via Stalingrado, 61

Taxi vs Uber, Merola: 'Con i tassisti, il fai-da-te non passerà'

L'assessore Priolo sta lavorando a un piano di aggiornamento delle tariffe: 'Accordo prima della fine dell'estate'

Lunga vita alle cooperazione anche nel settore dei taxi: le scorciatoie proposte dalle nuove piattaforme come Uber "non passeranno". Parola del sindaco di Bologna, Virginio Merola, che stamattina in via Stalingrado ha partecipato all'inaugurazione della nuova "splendida" sede di Cotabo, la principale cooperativa di tassisti della regione, che proprio quest'anno compie 50 anni.

"Sono partiti in 81 e oggi sono 500: questo dimostra che per dare un buon servizio la cosa principale e' saper cooperare", sottolinea Merola. Nel frattempo, il "barometro" dei rapporti tra Comune e tassisti "è sano- assicura Merola- perché è fatto di un confronto sano: ce le diciamo e poi troviamo una soluzione, non ci sono 'yes men' né in Comune né tra i tassisti e questo ci permette di arrivare agli accordi e di lavorare insieme". A proposito di accordi, è molto atteso quello sull'aggiornamento delle tariffe. L'assessore alla Mobilità, Irene Priolo, "ci sta lavorando molto bene- dichiara il sindaco- e i tassisti pure.

Cotabo dimostra che "si può essere cooperativi e competitivi", afferma l'assessore regionale ai Trasporti, Raffaele Donini: c'è effettivamente la possibilità di "svolgere un servizio pubblico con grande efficacia anche efficientando nel tempo le modalità di gestione". Come Regione "abbiamo gia' incontrato tutte le organizzazioni del trasporto pubblico non di linea e siamo disponibili, una volta che il Governo avra' concluso l'iter che portera' al decreto- continua Donini- a fare la legge regionale che mettera' ulteriore ordine nel comparto, cerchera' di affermare il principio di territorialita' e dovra' premiare coloro che hanno comportamenti corretti". Con che tempi? "Entro l'anno vorremmo arrivare ad un testo condiviso", dice Donini.

Per il settore servono "regole certe e che durino nel tempo. Non c'è niente di peggio dell'instabilità" perché questa frena la pianificazione e gli investimenti, sottolinea il presidente di Cotabo, Riccardo Carboni. "Non sarà una multinazionale che arriva sul nostro territorio con una piattaforma a sottrarre la nostra relazione con la clientela, quella- è fiducioso Carboni- dipende esclusivamente da quello che facciamo noi e da quanto siamo capaci di innovarci, perché così come si evolve la tecnologia anche la gente ha bisogno di nuove modalità di accesso al servizio".

Passando al tavolo sulle tariffe, "i lavori stanno andando avanti e speriamo entro l'estate di chiuderlo", afferma l'assessore alla mobilità Irene Priolo, in modo che "si possa partire da settembre con una stagione diversa". Diversa in senso piuttosto ampio, perché per Priolo "è necessario ricollocare la categoria dei taxi in maniera più forte, dal punto di vista culturale, la categoria dei taxi all'interno del trasporto pubblico locale". In questo rientra anche il tema "molto delicato" delle tariffe, ragiona Priolo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taxi vs Uber, Merola: 'Con i tassisti, il fai-da-te non passerà'

BolognaToday è in caricamento