Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca Centro Storico

Graffiti Teatro Comunale, dal Quartiere San Vitale: 'Ennesimo gesto inciviltà Cua'

Non è possibile tollerare frasi di sfida alle Istituzioni quali "gli studenti riqualificano il teatro comunale. Unico degrado: le divise blu e le loro denunce"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

I Consiglieri del Quartiere San Vitale Alessandro Sangiorgi e Loris Folegatti condannano fermamente l'ennesimo gesto incivile messo in atto dal collettivo CUA i quali hanno imbrattato la facciata del Teatro Comunale quale segnale di ritorsione per la rimozione della pianta da loro stessi arbitrariamente posta al centro di Piazza Verdi ad inizio Giugno nel corso di una manifestazione.

"Non è possibile tollerare che frange di persone colte da delirio di onnipotenza si arroghino il diritto di imporre il loro pensiero minacciando, con frasi spesso violente, ritorsioni o vendette contro Istituzioni o cittadini la cui unica colpa è quella di volere vivere la Piazza nel rispetto reciproco e nella civile convivenza.

Non è possibile tollerare frasi di sfida alle Istituzioni quali "gli studenti riqualificano il teatro comunale. Unico degrado: le divise blu e le loro denunce" oppure "è una iniziativa fatta alla luce del sole…sfidiamo le Autorità a denunciarci per quello che stiamo facendo" in quanto nessuno può elevarsi al di sopra delle Leggi Italiane e nemmeno pensare di rimanere impunito.

Chiediamo che gli autori di questi barbari gesti vengano presto identificati e puniti come previsto dal Codice Penale; chiediamo al Rettore dell'Università di valutare la possibilità di applicare eventuali penalizzazioni in ambito Universitario nel caso di iscritti al nostro Ateneo; chiediamo di passare dalle parole ai fatti in quanto questa situazione si protrae da ormai troppi anni.

Prendiamo atto delle dichiarazioni dell'Assessore Monti che ammette "si è passato il limite" e, aggiungiamo noi, non soltanto in questa circostanza ma da tempi immemorabili, auspichiamo pertanto che questa tardiva presa di coscienza induca questa Amministrazione a trarne le logiche conseguenze.

Non possiamo infine che esprimere la nostra completa solidarietà nei confronti nostre delle dell'Ordine ancora una volta prese di mira con frasi oltraggiose e dispregiative.

Siamo fermamente convinti che l'Amministrazione Comunale non può ma anzi ha il dovere di non perpetrare una legittimazione ed una connivenza con tutte quelle realtà che si rendono colpevoli di questi barbari atteggiamenti, motivo per cui depositeremo un odg al prossimo Consiglio di Quartiere San Vitale allo scopo di sollecitare provvedimenti nei confronti di dette realtà e proposte al fine di cercare di limitare per quanto possibile il ripetersi di eventi analoghi

Ancora una volta ci chiediamo per quali motivi i liberi cittadini e le realtà associative che rispettano quotidianamente le leggi e non recano alcun disturbo o danno alla città vengano tenute in minore considerazione da questa Amministrazione di chi al contrario si è distinto per atti violenti, per occupazioni abusive, per vandalismi nei confronti della comunità viene regolarmente ricompensato. Forse sono fessi quelli che rispettano le leggi, oppure occorre essere prepotenti, arroganti e violenti per vedersi premiati?"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Graffiti Teatro Comunale, dal Quartiere San Vitale: 'Ennesimo gesto inciviltà Cua'

BolognaToday è in caricamento