Cronaca Pilastro / Via Emilio Salgari

Pulizie e quarantena: tenta di uccidere il coinquilino a coltellate

Ieri sera un trentaduenne è stato arrestato dalla polizia per tentato omicidio. Le motivazioni del gesto sono da ricondurre a problemi di convivenza legati alle pulizie di casa

Un uomo di 32 anni, nato in Calabria, è stato arrestato ieri sera per tentato omicidio dalla polizia. L'uomo, alle 22.30 circa, nell'appartamento che condivide con altri tre coinquilini in via Salgari, ha provato a colpire con un grosso coltello da cucina uno dei conviventi: uno studente libanese del 1994. In base a quanto si apprende, le ragioni sono da ricondurre a problemi di convivenza, pulizia e igiene.

Dopo una breve colluttazione con la vittima, il reo - con precedenti per stupedacenti - ha provato, senza riuscirici, di colpire il ragazzo al petto, alla pancia e al collo. A dividere i due era intervenuto un coinquilino, un ragazzo albanese del 1990, che si è ferito alla mano.  

I due avevano avuto uno screzio in mattinata e la vittima, per evitare litigi, si era chiusa in camera. Ma il reo ha continuato a provocare il coinquilino finché non è uscito dalla stanza. A chiamare il 113 gli altri coinquilini, tutti studenti. Effettuati i rilievi, il coltello è stato sequestrato e l'uomo condotto in carcere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pulizie e quarantena: tenta di uccidere il coinquilino a coltellate

BolognaToday è in caricamento