Terremoto 2012, inaugura il 'nuovo' comune di Medicina: la Regione ci mette 1,3 milioni

Verrà demolita e ricostruita anche la palestra scolastica 'G. Simoni'

Foto Comune Medicina

Ecco il "nuovo" Palazzo comunale di Medicina, restaurato dopo i danni causati dalle scosse di terremoto del 20 e 29 maggio 2012. 

Il costo complessivo dell’intervento di recupero è stato di oltre 1,5 milioni di euro, di cui 1,3 milioni stanziati dalla Regione e 200 mila euro di fondi comunali.

Oggi, mercoledì 13 febbraio alle ore 17.00 si terrà una serata di inaugurazione, alla quale sarà presente anche il presidente della regione Stefano Bonaccini, in collaborazione con l'Accademia di Belle arti di Bologna volta a far conoscere a tutti la storia del Palazzo ed i lavori effettuati attraverso un percorso espositivo e rappresentazioni teatrali che ci condurranno in un tour del Palazzo.

“Il municipio è il cuore civile di una comunità. Per questo siamo orgogliosi, dopo le scosse di sette anni fa, di aver contribuito a restituire questo luogo, più sicuro e bello, ai cittadini di Medicina- affermato il presidente Bonaccini-. Vedere ristabiliti immobili come questo è uno degli obiettivi che ci siamo dati e proprio in questi ultimi mesi siamo riusciti a imprimere una accelerazione nella ricostruzione delle opere pubbliche e dei beni storici e architettonici. Ciò grazie alla collaborazione di tutti i soggetti impegnati, assieme alla struttura commissariale.”

Nuova palestra

Verrà demolita e ricostruita la palestra scolastica 'G. Simoni' la spesa  per una spesa complessiva di oltre 1,6 milioni, di cui 500mila euro di contributo regionale nell’ambito delle risorse messe in campo con il Piano per il rinnovamento e la ristrutturazione del patrimonio impiantistico e sportivo in Emilia-Romagna che la Regione ha finanziato stanziando quasi 40 milioni di euro, con interventi in oltre 130 Comuni da Piacenza a Rimini, per progetti che genereranno un investimento complessivo da 100 milioni di euro.

“L’Emilia-Romagna- sottolinea Bonaccini, che ha la delega allo Sport- vedrà nascere nuovi impianti sportivi e ristrutturare quelli esistenti, per spazi migliori dove fare sport e attività motorie: palazzetti, campi da gioco, palestre, spazi all’aperto. Dove tutti, giovani, adulti e anziani, potranno praticare discipline sportive o frequentare corsi e iniziative che vedono ogni giorno centinaia e centinaia di società, associazioni e volontari portare avanti un lavoro prezioso. Abbiamo creduto nello sport fin dal primo giorno della legislatura, approvando la prima legge regionale, che parte dalla collaborazione con le scuole fino ai grandi eventi sportivi, strumento di attrazione turistica e valorizzazione dei territori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus: in Emilia Romagna chiuse scuole, asili e luoghi di cultura. Stop a eventi e manifestazioni

  • Coronavirus, due nuovi casi a Modena e uno a Piacenza. In Emilia-Romagna 26 in totale. Venturi: "Proporremo nostra metodica alle altre Regioni"

  • Coronavirus, il sindacato scuola: "Sospendere attività fino all'8 marzo"

  • Coronavirus: 19 contagi in Regione, un caso anche a Modena. Migliaia di tamponi effettuati, attivo numero verde

Torna su
BolognaToday è in caricamento