rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Cronaca Budrio

Terremoto, chiese a rischio: Diocesi ordina chiusura. Matrimoni e messe all'aperto

L'ordinanza riguarda i vicariati di Persiceto-Castelfranco, Cento, Galliera e Budrio. Ai parroci si raccomanda di "predisporre luoghi decorosi all'aperto, dove celebrare le liturgie, lontani da occasioni di pericolo"

Chiusi gli uffici pubblici, le scuole e l'Università. Ora, per far fronte a possibile nuove e forti scosse - ipotizzate dai sismologi - Bologna inasprisce le misure di sicurezza. A scopo precauzionale, anche le chiese - considerate luoghi insicuri, visto che sono stati gli edifici più colpiti dal sisma di questi giorni (vd VIDEO) - saranno chiuse.

Così ha richiesto attraverso un'ordinanza la Diocesi felsinea inviata a tutti i parroci e gli amministratori parrocchiali e firmata dal vicario generale monsignor Giovanni Silvagni: tutte le chiese nei luoghi colpiti dal terremoto nel territorio della diocesi di Bologna, anche se gli edifici non sono stati dichiarati inagibili, saranno chiuse.

L'ordine riguarda i vicariati di Persiceto-Castelfranco, Cento, Galliera e Budrio, zone che comprendono comuni anche nelle province di Modena e Ferrara dove ci sono stati crolli gravi. "Si provveda - si legge - a predisporre luoghi decorosi all'aperto, dove celebrare le liturgie festive e feriali, inclusi i funerali, i matrimoni e gli altri atti di culto, lontani da occasioni di pericolo". La decisione nasce prendendo atto dei danni subiti dalle scosse del 20 maggio e di oggi e tiene conto "della responsabilità morale che obbliga a provvedere l'incolumità delle persone". Alla discrezione dei parroci, scrive la diocesi, si lascia la valutazione se convergere per le celebrazioni in luoghi comuni tra parrocchie vicine.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto, chiese a rischio: Diocesi ordina chiusura. Matrimoni e messe all'aperto

BolognaToday è in caricamento