Terremoto, Merola: 'Situazione sotto controllo. In città edifici sicuri'

Bologna si attrezza per l'emergenza: monitora strutture, telefona gli oltre 11.000 anziani, tende mano ai più colpiti. Per ospedali e forze dell'ordine super lavoro, ma gli assessori tranquillizzano e fanno il punto della situazione

Dopo la nuova, forte ondata sismica di ieri, il capoluogo felsineo si attrezza per l'emergenza, monitora l'agibilità delle sue strutture e tende una mano ai paesi più colpiti. Per ospedali e forze dell'ordine super lavoro: giusto per mostrare qualche numero, nella sola giornata di ieri, l'Ausl Bologna comunica 345 interventi e 230 ricoveri. Nuove crepe e crolli in tutta la Provincia: da Crevalcore, il paese più colpito, ad Anzola, Baricella, Pieve di Cento. Gli esperti parlano di una nuova faglia aperta e le aspettative non sono rosee.

Ma il sindaco, Virginio Merola, con  gli assessori Luca  Rizzo Nervo (Protezione Civile), Riccardo Malagoli (Lavori Pubblici)  e  Matteo  Lepore  (Comunicazione) ieri hanno  tenuto una conferenza stampa  per  illustrare la situazione: 'Tutto sotto controllo, mantenere la calma', hanno così voluto tranquillizzare la cittadinanza.

In via precauzionale le scuole di ogni ordine e grado di Bologna sono state chiuse ieri e  rimarranno  chiuse  per  l'intera giornata di oggi. Sono attualmente in corso le verifiche puntuali degli istituti scolastici. Anche gli  edifici  comunali  ieri sono  stati evacuati, sempre a scopo precauzionale.



Per quanto riguarda la staticità edifici "in città - rassicura Palazzo D'Accursio - non risultano casi gravi, e sono in corso le verifiche per accertare eventuali danni." Per  qualsiasi  segnalazione inerente  agli edifici - hanno ricordato gli assessori - i cittadini si possono rivolgere ai Vigili del Fuoco (115).

Il Sindaco ha poi fatto sapere di aver telefonato  al  primo  cittadino  di  Crevalcore  per  sincerarsi della situazione  e  offrire  la  massima disponibilità, in termini operativi, in caso di bisogno. E'  stata  effettuata  una  ricognizione di tutti i posti letto disponibili nelle  strutture  comunali,  nelle  Asp  cittadine e anche presso i privati accreditati,  per  un  totale  di  quasi  200 posti. Questi ultimi verranno attivati  eventualmente  su  richiesta della Prefettura (e della Protezione civile regionale). Ad ora non sono pervenute richieste.



Il  Comune  ha  inoltre fatto sapere di aver potenziato il servizio messo in campo fin dal primo evento  sismico,  lo  stesso  utilizzato  per le ondate di calore: ossia la chiamata  telefonica  agli  oltre 11.000 anziani fragili della nostra città per  dare  loro  tutte  le  informazioni del caso, le misure cautelative da prendere e rassicurarli quanto più possibile.

Per  quanto  riguarda  lo  stato delle Due Torri, da un monitoraggio appena effettuato, risulta che non abbiano subito danni.

Questa  notte  i  parchi  cittadini  sono rimasti aperti affinché, in caso di sisma, le persone possano usufruirne. Il  Comune ha messo a disposizione della Prefettura, che gestisce il Tavolo di  crisi,  tre  aree per qualsiasi necessità: Parco Nord, ex Mercato della Scarpa  di  via  Saliceto  e  il  parcheggio  della  Fiera.  Aree  messe  a disposizione  non  per  le  persone,  ma  eventualmente  per mezzi e per la
logistica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

  • "Evasione fiscale da 140 milioni di euro": Maxi sequestro della Finanza, anche auto storiche di lusso

Torna su
BolognaToday è in caricamento