menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terremoto, l'ispettore della Forestale di Bologna: 'Scenari come quelli di guerra'

Dall'elicottero mandato ad Amatrice per elitrasportare alcune unità cinofile del Soccorso Alpino Forestale la testimonianza di Bruno Zorzi: "Paesi rasi al suolo e i puntini colorati, i soccorritori al lavoro"

Oggi il giorno dei funerali di Stato, l'ultimo saluto alle vittime del terremoto del centro Italia del 24 agosto 2016. E fra le testimonianze dei soccorritori anche quella del comandante del Corpo Forestale provinciale di Bologna Aldo Terzi, che racconta la devastazione vista dall’alto attraverso gli occhi di uno dei suoi uomini, dall'elicottero AB 412, mezzo trasferito d’urgenza ad Amatrice con il compito di elitrasportare alcune unità cinofile del Soccorso Alpino Forestale.  

Il Comandante Provinciale Aldo Terzi ha raccolto infatti l'amara testimonianza dell’Ispettore Bruno Zorzi, classe 1968, bolognese di nascita, pilota di elicottero del Corpo Forestale dello Stato dal 2004 rientrato, insieme all’equipaggio forestale, dal sisma: “Il terremoto visto dall’alto mi ha ricordato le immagini di devastazione che passano i telegiornali dai luoghi di guerra in Medio Oriente o quelli che venivano dai Balcani durante la guerra civile. Interi paesi rasi al suolo con tanti puntini colorati che sono i soccorritori che cercano di estrarre". 

L’elicottero AB 412 del Corpo Forestale dello Stato, schierato durante i mesi estivi presso l’aeroporto di Rimini per prestare servizio di vigilanza, soccorso e contrasto ai reati ed ai fenomeni legati in particolar modo agli incendi boschivi, è rientrato con tutto l’equipaggio da Amatrice dove era stato inviato con urgenza nella mattina del 24 agosto scorso per elitrasportare alcune unità cinofile provenienti dal Veneto.

Con il rientro dell’elicottero della forestale, che ha assicurato la prontezza operativa, è stato ripristinato il sistema di protezione che permette un rapido intervento per lo spegnimento degli incendi boschivi; nei prossimi giorni l’areale di intervento in caso di incendio si amplierà a tutto il territorio regionale sostituendo, in caso di emergenza, l’analogo elicottero dei Vigili del Fuoco, di base a Bologna, che invece è rimasto ad operare nei territori colpiti dal sisma.

Partito da Rimini a poche ore dal sisma l’elicottero è stato prima inviato a Padova per caricare 2 unità cinofile del Soccorso Alpino del Corpo Forestale dello Stato e 1 unità cinofila dei volontari del Soccorso Alpino nazionale tutte e tre in servizio sulle montagne del Veneto. Dopo il viaggio e lo scarico dei cinofili direttamente presso l’eliporto di Amatrice, la partecipazione alle prime attività di soccorso in base alle indicazioni dell’Unità di Crisi. Poi il rientro su Rimini anche per ripristinare il sistema di sicurezza regionale ambientale.

CORPO FORESTALE DELLO STATO. Emozionanti sono stati i veloci incontri e i racconti dei numerosi colleghi forestali, molto spesso in servizio proprio nei piccoli Comandi Stazione che hanno sede nei paesi della zona e che, per questo, sono stati tra i primi ad arrivare e a prestare soccorso estraendo molto persone dalle macerie e che, senza sosta, stavano continuando a dare il loro contributo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Casalecchio: aperto il nuovo ristorante McDonald’s 

Salute

Più sedentari causa smartworking e Dad. La personal trainer "L'esercizio fisico è un 'farmaco', può previene malattie croniche"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento