menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Denaro ai "fratelli": intercettazione della Digos Bologna, 22enne accusato di terrorismo

Salvini: "Per l'ennesima volta emergono inquietanti legami tra chi entra irregolarmente in Italia e ambienti dell'estremismo islamico"

Una conversazione intercettata dalla Digos di Bologna ha portato all'arresto di due cittadini del  Corno d'Africa con l'accusa di terrorismo e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

A settembre del 2018, uno degli arrestati, somalo 22enne, residente nel milanese, al telefono con un connazionale  di 23 anni, aveva parlato di armi di acquistare e di denaro da inviare nel loro paese, ai "fratelli". Ora è accusato di terrorismo relativamente al presunto finanziamento di organizzazioni armate. Avrebbe raccolto denaro con il concorso del 23enne, al momento irreperibile, e di un 22enne etiope residente a Torino.

"Grazie agli inquirenti e alle Forze dell'Ordine, con particolare riferimento alla Dda di Bologna e alla Digos - fatto sapere il Ministro dell'Interno Matteo Salvini - teniamo alta l'attenzione: nessuno spazio per criminali, fanatici, clandestini. Per l'ennesima volta emergono inquietanti legami tra chi entra irregolarmente in Italia e ambienti dell'estremismo islamico".

Il pm della Dda di Bologna Antonella Scandellari ha emesso anche un decreto di fermo per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina nei confronti di un 29enne somalo e 22enne etiope.

Arrestato per finanziamento ai terroristi, parla la moglie

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

L'Oroscopo di marzo segno per segno: ecco cosa prevedono gli astri

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento