Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Testamento biologico ad Argelato: i cittadini potranno depositare le proprie volontà

Al via domani il registro delle dichiarazioni anticipate di trattamento. Il sindaco Claudia Muzic: "Un gesto di civiltà, aggiungiamo la nostra voce alle tante che chiedono una legge sul fine vita"

Claudia Muzic, sindaco di Argelato

Da domani, 15 ottobre, tutti i cittadini maggiorenni residenti di Argelato avranno la possibilità, se lo vorranno, di depositare la propria volontà in merito alla accettazione o al rifiuto di pratiche di cosiddetto accanimento terapeutico.

Con l'attivazione del Registro - a partire dal 15 Ottobre 2014 - la segreteria generale del comune sarà in grado di ricevere da parte del cittadino residente ad Argelato una busta, debitamente sigillata, contenente apposita dichiarazione riportante: i dati del soggetto interessato/dichiarante; la propria volontà in merito ai trattamenti sanitari; i dati del o dei fiduciari incaricati dall'interessato di partecipare la propria volontà.

La busta, così personalizzata e protocollata, verrà conservata con idonee misure di sicurezza, rilasciando all'interessato una apposita ricevuta. Ogni decisione relativa alla propria iscrizione può essere revocata o modificata in qualsiasi momento.
In caso di decesso di uno o più fiduciari o del venir meno del rapporto di fiducia con gli stessi, è facoltà dell'interessato/dichiarante sostituirli o ritirare la busta.

Nessun costo sarà addebitato al cittadino, se non la marca da bollo (16 euro) da apporre sulla dichiarazione.

"L'istituzione del Registro riguarda la più intima libertà personale, un gesto profondo di civiltà e un segnale di anticipazione per norme nazionali che speriamo arriveranno, ma ancora mancano", così si sono espressi in merito il SIndaco, Claudia Muzic, e la giunta, promotori del registro.
Il regolamento è pubblicato sul sito del comune di Argelato

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Testamento biologico ad Argelato: i cittadini potranno depositare le proprie volontà

BolognaToday è in caricamento