Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I primi turisti sulla Torre degli Asinelli, Lepore: "Bolognesi, visitate la nostra città" | VIDEO

La riapertura del simbolo di Bologna: visite ogni 45 minuti a gruppi di nove

 

Termometro, mascherina, igienizzante all'ingresso, biglietti online. È così che riaprono le visite alla Torre degli Asinelli, dove da oggi si può salire in gruppi da massimo nove persone, con partenza ai minuti 00’ e 15’ di ogni ora. Tutto è stato studiato per evitare assembramenti e incroci: il secondo gruppo dovrà attendere la discesa del primo gruppo, distribuendosi in maniera distanziata tra i due pianerottoli immediatamente sottostanti la terrazza.

Si vedono i primi turisti e si spera che a luglio, con il ripristino di parte dei voli, il numero possa giorno dopo giorno risalire. Anche se, come spiega l'assessore a Turismo, Sport e Cultura Matteo Lepore, ci vorrà ancora tempo per rivedere l'afflusso di visitatori pre covid.

"Tra le prenotazioni, che ci sono già, natura, trekking e Appennino sono le richieste – afferma Lepore – qualcuno comincia a visitare anche i monumenti della nostra città e invito i bolognesi a prendersi queste giornate per vedere luoghi che non avrebbero  visitato durante il tran tran quotidiano. Oggi – prosegue l'assessore – è importante essere pronti per questa ripartenza perché fare buona impressione sui primi visitatori di questi mesi sarà un miglior biglietto da visita per l'autunno e l'inverno prossimo, quando, se non ci sarà una risalita dei contagi, anche il settore turistico dovrebbe ritornare a pieno regime".

Bologna Estate 2020

"Nei prossimi giorni presenteremo l'estate, stiamo lavorando per un'estate diffusa nei caseggiati e nei quartieri – spiega – vogliamo che ci si sposti a piedi e in bici per raggiungere i luoghi della cultura. Stiamo lavorando su un cinema diffuso e ragionando anche su quello in piazza, ma aspettiamo il nuovo dpcm del governo per capire le nuove regole. Come sarà l'estate? Immagino cinema, teatro, musica – risponde Lepore – per platee ridotte e diffuse nei quartieri con distanziamento e prenotazioni".

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento