rotate-mobile
Cronaca

Bologna città 30, sanzioni al via tra le proteste: corteo attraversa la città |VIDEO

Da via Stalingrado una cinquantina di mezzi, per lo più auto blu, in serpentone per contestare la città che rallenta

QUI PER ISCRIVERSI AL CANALE WHATSAPP DI BOLOGNATODAY

Al via stamane, 16 gennaio 2024, controlli e prime sanzioni per chi non rispetta i nuovi limiti in vigore sulle strade di Bologna adottati con l'introduzione della 'Città 30'.

Il capoluogo emiliano, benché le ordinanze siano in vigore già da qualche mese, entra ufficialmente in modalità slow da oggi. E la cosa desta qualche preoccupazione, come emerso su più fronti: dai sindacati che pronosticano "una tempesta perfetta" alla politica d'opposizione che ha lanciato una raccolta firme per indagare sul sentiment dei bolognesi riguardo le nuovi disposizioni sulla viabilità. 


Immagini N.M. Servillo

Contro il rallentamento del traffico sulle arterie cittadine si scagliano i manifestanti che si sono dati appuntamento stamattina in via Stalingrado, avviando da qui un corteo di protesta. Una cinquantina di mezzi - tra questi qualche taxi e vettura privata, ma per lo più si contano auto blu - attraverso la città per dire no al limite dei 30 km orari, che interessa ora la maggior parte delle strade del capoluogo emiliano (qui la mappa di come cambiano i limiti di velocità sulle nostre strade).

Il serpentone intorno alle ore 8 è partito dirigendosi verso via Mascarella, l'itinerario prevede l'attraversamento dei viali, per poi puntare al centro cittadino, solcando via Indipendenza e da qui i manifestanti si dirigeranno verso Corticella. Capolinea della carovana di mezzi in dissenso, che al momento dell'adunata sono circa una cinquantina, tra questi si contano soprattutto taxi e auto blu.

"Vogliamo sottolineare che questa manifestazione è concepita come un'azione pacifica e rispettosa. Il nostro obiettivo è sensibilizzare l'opinione pubblica e favorire un dialogo costruttivo con le autorità locali per trovare soluzioni benefiche per l'intera comunità". Così gli organizzatori della mobilitazione.

 "Vogliamo far vedere cosa vuol dire veramente rispettare i 30 chilometri orari", lancia la sfida Davide Mangialardi, organizzatore della protesta. Secondo i conducenti infatti la categoria verrà penalizzata, e avvertono: le tariffe rischiano di salire. "Invece di riuscire a fare per esempio quattro tratte, quattro servizi, ne faremo due e di conseguenza l'incasso sarà dimezzato- sottolinea Mangialardi- questo andrà a sfavore anche dei cittadini in quanto probabilmente a breve dovremmo cominciare a pensare di aumentare le nostre tariffe". E comunque "riteniamo che il limite dei 30 sia impossibile da rispettare. Fino ad oggi abbiamo rispettato il limite di 50, non abbiamo creato nessun tipo di problema, 30 è troppo basso", rincara la dose il portavoce dei manifestanti. Il messaggio è per il sindaco Matteo Lepore: "Consideri l'idea di rivedere questa manovra, sospendere già da oggi le multe, ascoltare il cittadino- invoca Mangialardi- è una manovra talmente tanto impattante sulla città che non prendere in considerazione l'idea del cittadino è una cosa veramente assurda".

MAPPA BOLOGNA STRADE LIMITI 30 KM E 50 KM ORARIContinua a leggere su BolognaToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bologna città 30, sanzioni al via tra le proteste: corteo attraversa la città |VIDEO

BolognaToday è in caricamento