rotate-mobile
Cronaca Borgo Panigale

Tram, bonifica ordigni bellici e indagini archeologiche al via a Panigale

Si tratta delle ultime attività di verifica e sondaggio, a conclusione delle quali nei prossimi mesi prenderanno avvio i cantieri della prima linea tranviaria di Bologna

Sono in partenza in questi giorni le indagini propedeutiche all’avvio dei lavori presso l’area destinata a ospitare il deposito della nuova linea tranviaria (Linea Rossa). In particolare verranno eseguite le attività di bonifica da ordigni bellici, le indagini archeologiche e quelle geognostiche all’interno dell’area situata tra via Marco Emilio Lepido e via Persicetana a Borgo Panigale.

Si tratta delle ultime attività di verifica e sondaggio, a conclusione delle quali nei prossimi mesi prenderanno avvio i cantieri della prima linea tranviaria di Bologna.

Borgo Panigale-Fiera, ecco come sarà la Linea Rossa del tram

Lo scorso luglio, il Comune di Bologna e il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili hanno ufficializzato in conferenza stampa la chiusura dell’accordo per la costruzione della nuova tramvia, la Linea Rossa. Prima di quattro (Blu, Verde, Gialla le altre), la Linea Rossa collegherà Borgo Panigale con la Fiera. Da qui la tramvia si dividerà in due rami: il primo terminerà nei pressi del casello autostradale dell’A14 Fiera e del Parcheggio Michelino; l’altro proseguirà invece in direzione San Donato, toccando San Donnino, il Pilastro e terminando nei pressi della Facoltà di Agraria. I capolinea ovest di Porgo Panigale-Emilio Lepido e quello nord di Fiera-Michelino fungeranno da snodi di scambio e saranno dotati di aree di parcheggio. 

linea-rossa-tracciato-tram-bologna-2

(Tracciato Linea Rossa - Foto untramperbologna.it)

Il progetto

Gli obiettivi del progetto varato nel PUMS (Piano Urbano Mobilità Sostenibile) del 2019 sono quelli di aumentare l’accessibilità, tutelare il clima, aumentare la sicurezza stradale e migliorare la qualità della vita urbana. Le emissioni di gas serra dovrebbero, secondo il Piano, diminuire del 40%: -28% di emissioni dalla riduzione del traffico auto e moto e -12% di emissioni per il rinnovo dei mezzi attualmente circolanti.
La Linea Rossa sarà progettata e costruita da una cordata di aziende composta dalla società cooperativa CMB (capogruppo), Alstom Ferroviaria, Alstom Transport e Pavimental e i lavori cominceranno già all’inizio del 2023. Per vedere il tram in funzione si dovrà invece aspettare il 2026.

La prima tramvia bolognese sarà lunga 16,5 chilometri, avrà trenta fermate e il tempo di attesa per ogni corsa previsto è di 4-5 minuti. Il tempo di percorrenza per l’intero tracciato da Borgo Panigale fino alla Facoltà di Agraria è di circa 52 minuti e toccherà diversi punti di interesse della città: la Ducati, la stazione dell’Sfm di Borgo Panigale, il Mast, l’Opificio Gonelli, l’Ospedale Maggiore, il centro storico, la Stazione Centrale, l’Autostazione, la Regione, la Fiera, la Facoltà di Agraria, FICO, il Meraville e il Caab. Ogni tram, lungo dai 32 ai 42 metri, potrà trasportare dai 220 ai 290 passeggeri. Da 80mila a 110mila la stima di passeggeri quotidiani (nei giorni feriali) e, secondo le stime del progetto, la Linea Rossa del tram assorbirà il 21% degli spostamenti su trasporto pubblico, riducendo inoltre del 7% gli spostamenti privati all’interno della città. Il costo totale dell’opera, come annunciato oggi da Lepore in conferenza stampa, supererà i 500 milioni di euro.

Linea verde del tram: ecco come sarà 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tram, bonifica ordigni bellici e indagini archeologiche al via a Panigale

BolognaToday è in caricamento