rotate-mobile
Cronaca

Mezzi pubblici, con la pandemia meno attese: a Bologna 9 minuti, -1 rispetto al 2019

Quanto tempo si passa alle fermate o sul bus? Cosa chiedono gli utenti? Come la pandemia ha influito sul trasporto pubblico? Ce lo dice il report 2020 di "Moovit"

9 minuti, con il 34% dei viaggi con un tempo di attesa inferiore ai 5 minuti, -1 minuto rispetto al 2019. Questi i tempi di attesa dei trasporti pubblici a Bologna e in Romagna, secondo il report 2020 di "Moovit", sviluppatrice di una delle app più utilizzate nel mondo.

Lo studio è stato elaborato utilizzando i big data provenienti da centinaia di milioni di spostamenti di utenti dell’app Moovit nel 2020 in decine di aree metropolitane del mondo e tramite dei sondaggi svolti tramite la stessa app. 

L’impatto della pandemia

In media il 15% degli utenti nel corso del 2020 ha definitivamente smesso di spostarsi quotidianamente (anche per effetto dello smart working e per le prolungate chiusure delle attività commerciali), il 42% ha diminuito l’utilizzo dei mezzi pubblici, il 35% li utilizza come prima, il 3% li utilizza più di prima e il 6% è passato a un mezzo privato abbandonando quello pubblico.

Scuola e trasporti, Mazzanti: "Altri 36 autobus che si aggiungono ai 52 rinforzi dell'autunno" 

Tra le aree analizzate nel mondo, 9 si trovano in Italia: Roma e il Lazio, Napoli e la Campania, Milano e la Lombardia, Torino e Asti, Venezia, Firenze, Palermo e Trapani, Bologna e Genova e Savona. Il report include gli spostamenti effettuati dagli utenti con autobus urbani ed extraurbani, tram, metropolitane, treni regionali, funicolari e ascensori.

Tempi medi per raggiungere la propria destinazione

Roma, Milano e Napoli sono le grandi città in cui si passa più tempo sui mezzi pubblici. Da rilevare con attenzione il dato del capoluogo campano: meno otto minuti rispetto a un anno prima. 

48 minuti - Roma e Lazio (-4 minuti rispetto al 2019)
43 minuti - Milano e Lombardia (nessuna variazione rispetto al 2019)
38 minuti - Napoli e Campania (-8 minuti rispetto al 2019)
37 minuti - Palermo e Trapani (+1 minuto rispetto al 2019)
35 minuti - Firenze (-1 minuto rispetto al 2019)
35 minuti - Venezia (-3 minuti rispetto al 2019)
34 minuti - Bologna e Romagna (-1 minuto rispetto al 2019)
34 minuti - Genova e Savona (+1 minuto rispetto al 2019)

Trasporti pubblici e tempi di attesa: la classifica delle città

Le città in cui si passa più tempo alla fermata sono Palermo, Trapani e Napoli:

24 minuti - Palermo e Trapani (nessuna variazione rispetto al 2019, 7% dei viaggi con un tempo di attesa inferiore ai 5 minuti)
20 minuti - Napoli e Campania (5% dei viaggi con un tempo di attesa inferiore ai 5 minuti, -3 minuti rispetto al 2019)
15 minuti - Roma e Lazio (13% dei viaggi con un tempo di attesa inferiore ai 5 minuti, -1 minuto rispetto al 2019)
12 minuti - Torino e Asti (16% dei viaggi con un tempo di attesa inferiore ai 5 minuti, -1 minuto rispetto al 2019)
10 minuti - Genova e Savona (25% dei viaggi con un tempo di attesa inferiore ai 5 minuti, +1 minuto rispetto al 2019)
9 minuti - Bologna e Romagna (34% dei viaggi con un tempo di attesa inferiore ai 5 minuti, -1 minuto rispetto al 2019)
9 minuti - Firenze (30% dei viaggi con un tempo di attesa inferiore ai 5 minuti, -2 minuti rispetto al 2019)
9 minuti - Milano e Lombardia (32% dei viaggi con un tempo di attesa inferiore ai 5 minuti, nessuna variazione rispetto al 2019)
8 minuti - Venezia (34% dei viaggi con un tempo di attesa inferiore ai 5 minuti, -2 minuti rispetto al 2019)

La distanza media percorsa a piedi durante un viaggio di andata varia notevolmente da città a città: in testa alla classifica italiana c'è Venezia.

803 metri - Venezia (il 26% degli utenti percorre più di 1 chilometro)
677 metri - Firenze (il 18% degli utenti percorre più di 1 chilometro)
670 metri - Milano e Lombardia (il 19% degli utenti percorre più di 1 chilometro)
641 metri - Bologna e Romagna (il 17% degli utenti percorre più di 1 chilometro)
616 metri - Torino e Asti (il 16% degli utenti percorre più di 1 chilometro)
599 metri - Napoli e Campania (il 16% degli utenti percorre più di 1 chilometro)
550 metri - Palermo e Trapani (il 13% degli utenti percorre più di 1 chilometro)
524 metri - Roma e Lazio (l’11% degli utenti percorre più di 1 chilometro)
494 metri - Genova e Savona (il 10% degli utenti percorre più di 1 chilometro)

La distanza media percorsa ogni mattina è simile a Roma e Milano:

7 km - Milano e Lombardia (il 15% degli utenti percorre oltre 12 chilometri)
7 km - Bologna e Romagna (il 14% degli utenti percorre oltre 12 chilometri)
7 km - Venezia (il 13% degli utenti percorre oltre 12 chilometri)
7 km - Roma e Lazio (il 14% degli utenti percorre oltre 12 chilometri)
6 km - Torino e Asti (l’11% degli utenti percorre oltre 12 chilometri)
6 km - Napoli e Campania (il 10% degli utenti percorre oltre 12 chilometri)
4,5 km - Genova e Savona (il 7% degli utenti percorre oltre 12 chilometri)
4 km - Firenze (il 6% degli utenti percorre oltre 12 chilometri)
3 km - Palermo e Trapani (l’1% degli utenti percorre oltre 12 chilometri)

Trasporti pubblici: cosa chiedono gli utenti 

Le richieste degli utenti alle amministrazioni locali sono molto chiare: il 48% degli utenti chiede mezzi meno affollati, il 25% degli utenti chiede tempi di viaggio inferiori e il 27% degli utenti chiede mezzi più sicuri

Alla domanda “Cosa ti incoraggerebbe a utilizzare più spesso i mezzi pubblici durante la pandemia?”, le risposte sono tutte di buonsenso: distanze sociali rispettate alla fermata e a bordo dei mezzi; sanificazione costante dei mezzi; tempi di attesa alla fermata ridotti per evitare assembramenti con passaggi
dei mezzi più frequenti; informazioni accurate in tempo reale sul servizio ed eventuali modifiche; presenza di dispenser di gel igienizzante a bordo dei mezzi

Monopattini elettrici e servizi in sharing: come cambia la micromobilità

In Italia la percentuale di utenti che non ha mai utilizzato i mezzi di micromobilità in sharing è così ripartita:

88% - Palermo e Trapani
85,5% - Genova e Savona
85% - Napoli e Campania
84% - Roma e Lazio
82% -Torino e Asti
81% - Venezia
81% - Milano e Lombardia
78% - Firenze
76% - Bologna e Romagna

La percentuale di chi utilizza quotidianamente i mezzi di micromobilità in sharing è così ripartita:

3% - Venezia
2% - Torino e Asti
2% - Bologna e Romagna
2% - Palermo e Trapani
1,5% - Roma e Lazio
1% - Firenze
1% - Milano e Lombardia
0,5% - Napoli e Campania
0,3% - Genova e Savona

Piace la micromobilità per raggiungere in maniera diretta e senza cambi la propria destinazione (55% degli intervistati, +3% rispetto al 2019). Il 45% invece combina l’utilizzo di un mezzo del trasporto pubblico con il noleggio temporaneo di un mezzo di micromobilità. Le principali motivazioni che incoraggiano la scelta dei mezzi di micromobilità sono la velocità nel raggiungere la meta e la possibilità di arrivare dove il servizio di trasporto pubblico tradizionale non arriva. E poi sono economici, alla portata di quasi tutte le tasche. Gli utenti vorrebbero però più piste ciclabili. 

Ticket

Le principali aree in Italia dove gli utenti desiderano poter acquistare il biglietto o un abbonamento al trasporto pubblico tramite un’app sono Venezia (oltre il 60% degli intervistati), Bologna e Romagna (oltre il 58%) e Palermo e Trapani (oltre il 55%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mezzi pubblici, con la pandemia meno attese: a Bologna 9 minuti, -1 rispetto al 2019

BolognaToday è in caricamento